Attualità CapitanataMusica

Il rock dei vent’anni dei Maneskin. 70 mila applaudono. Damiano: “Fanculo i dittatori”

Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Casa di Cura San Michele

Maneskin, alla fine, sono tornati a casa. Ieri, dopo mille polemiche sul loro show, la band romana si è esibita al Circo Massimo di Roma. In pochi anni il percorso di questa band di ventenni è stato incredibile: da Via del Corso, dove si esibivano come artisti di strada, ai palcoscenici più importanti del mondo. Il 2022, dopo il successo dell’anno scorso a Sanremo, all’Eurovision e agli MTV EMAs, segnerà l’inizio del loro primo tour mondiale: in autunno, infatti, si esibiranno nei principali club e palasport del Nord America e dell’Europa, oltre il tour italiano che è stato anticipato da questa straordinaria anteprima romana. 

Il Circo Massimo ha ospitato la band italiana più ascoltata al mondo su Spotify nel 2021: con 245 certificazioni globali che includono 11 dischi di diamante, 194 dischi di platino, 40 dischi d’oro e più di 5 miliardi di streaming su tutte le piattaforme digitali. 

Ieri, con un pubblico di più di 70 mila persone che ha sfidato i contagi covid e le relative polemiche sull’impatto sanitario di questi grandi eventi, i Maneskin hanno offerto due ore di show in cui hanno ripercorso la loro favola musicale. Hanno cominciato con “Zitti e Buoni”, il loro marchio di fabbrica, quasi un manifesto generazionale che, da Sanremo, ha conquistato tutto il mondo. Poi ancora “Chosen”, “Coraline”, dedicato alla fidanzata di Damiano, la l’influencer-poetessa del web Giorgia Soleri, poi l’ultimo singolo “Supermodel”, la cover di “Amandoti” e “I wanna be your slave”. 

Come sempre iconici, glam e potenti, Damiano, Victoria, Thomas ed Ethan hanno mostrato a tutti il loro talento purissimo, la loro forza energica, la loro capacità di mostrare a tutti di cosa è capace la generazione dei ventenni di oggi. Il loro sogno, partito dalle strade di Roma fra i passanti, è quello di cambiare la società attraverso la musica. Testimonianza evidente è stato l’appello di Damiano, già fatto al Coachella, contro il regime di Putin. “Continuiamo a dirlo anche se a qualcuno dà fastidio: Fuck Putin, fuck la guerra, fanculo i dittatori. E a chi non è d’accordo: fuck”.

La band ha presentato a sorpresa anche un inedito: “Trastevere”, non una dedica a Roma, ma una ballad in lingua inglese: “Questo concerto è speciale e per la prima volta vi facciamo sentire un pezzo che non ha un titolo, non è neanche completo, è una demo”, ha detto Damiano prima di incantare tutti con il loro rock dei vent’anni.

Casa di Cura San Michele
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche

Articoli correlati