Attualità

Il padrone insisteva che il somaro aveva bevuto la luna nel pozzo

Manfredonia – LA storia del somaro, aveva a che fare con il tonto padrone che gli voleva far vomitare la luna che aveva bevuto nel pozzo secondo lui. Tu l’hai bevuta asinello che non sei altro, adesso la voglio subito spingendo il somaro altrimenti ti bastono,sputa la luna che mi serve. L’avete intesa ora come è la ragione più pura,che se il sole spunta più tardi del giusto, la colpa è di chi non parla per non sapere come fare. Ma la cosa non è facile come sembra oserei dire alquanto complessa, forse. Comunque voglio lasciare intatto la delizia del luogo signori miei,lo so la proposta non vi piace ma così finirete molto male,continuate a tirare di gran lena la corda alla fine vedrete che si spezzerà.

Se volete mettetemi la capezza,e trascinatemi in una fetta di campo a capofosso con tutta l’acqua che lava il terreno,e asciugatemi per bene e portatemi in piazza a parlar col canonico in genuflessione da potergli chiedere un miracolo di essere buono e bravo. Mi sembrate dei granchi attaccati per la bocca a un filo d’erba degli scogli, quando esistevano a Manfredonia. E se nel caso avvertite il passo del pescatore col fanale nella notte sono sicuro che scappereste via come ottimi nemici, che lasciano il buon odore dello scoglio con dieci passi all’indietro,e camuffarvi nell’erba marina in battito di dita.

Di Claudio Castriotta

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button
Close