Salute e Benessere

Hormone Day, Giornata Europea delle Malattie Endocrine

Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Centro Commerciale Gargano
Domenico La Marca

Hormone Day, Giornata Europea delle Malattie Endocrine

Gli ormoni sono fondamentali per una vita sana. Orchestrano molte funzioni corporee: determinano il nostro sviluppo e la nostra crescita, il modo in cui il nostro corpo gestisce il cibo che consumiamo, la nostra funzione sessuale e la fertilità, i nostri processi cognitivi e il nostro benessere generale. Quando i sistemi ormonali sono squilibrati o falliscono, possono svilupparsi obesità, diabete, disturbi della tiroide, cancro, infertilità e osteoporosi. Nel complesso, queste malattie sono tra le più grandi sfide del nostro tempo. Mentre alcune malattie ormonali hanno un’origine genetica o congenita, l’insorgenza di malattie come il diabete di tipo 2, l’obesità, i disturbi della tiroide e l’osteoporosi può in molti casi essere prevenuta.

L’obesità è una malattia endocrina caratterizzata da un eccessivo accumulo di grasso ed è associata a più di 200 comorbilità, tra cui diabete, cancro e disturbi cardiovascolari. Ci sono anche più di 440 malattie rare che sono causate o associate a disfunzioni croniche del sistema ormonale, causando sofferenza e interruzioni della vita dei pazienti e delle loro famiglie e ponendo un pesante fardello sulla società.

L’interferenza endocrina causata dai composti presenti nel nostro ambiente è causa di obesità, ipertensione, infertilità, disturbi della tiroide e alcuni tipi di cancro.

 • Il trattamento di molte malattie croniche con un forte impatto sulla vita, come il cancro e l’HIV, può a sua volta avere un forte impatto negativo sulla salute ormonale e può provocare rilevanti comorbilità endocrine e metaboliche.

• I disturbi ormonali possono essere prevenuti attraverso il nostro stile di vita, un ambiente più sano e, in alcuni casi, integrando la dieta quotidiana con componenti benefici (ad es. iodio, vitamina D) o riducendo l’assorbimento di zuccheri e grassi nocivi. Sono stati compiuti progressi nello sviluppo di interventi e trattamenti efficaci, ma occorre fare molto di più per garantire parità di accesso alle cure per tutti i pazienti.

 • La funzione ottimale del sistema endocrino è la principale via attraverso la quale il corpo si adatta allo stress e alle infezioni (come il COVID-19) che a loro volta possono avere un forte impatto sulla salute ormonale e metabolica.

Nel maggio 2022, in occasione della prima Giornata europea degli ormoni, la Società europea di endocrinologia (ESE) e la Fondazione europea per gli ormoni e il metabolismo (ESE Foundation) hanno pubblicato la Dichiarazione di Milano, “Riconoscere il ruolo chiave degli ormoni nella salute europea”. La dichiarazione sottolinea l’importante ruolo degli ormoni nella salute pubblica e fornisce raccomandazioni ai responsabili delle decisioni su come rafforzare le politiche sanitarie nazionali ed europee.

DICHIARAZIONE DI MILANO 2023

10 RACCOMANDAZIONI PER UNA BUONA SALUTE ORMONALE

  1. L’attività fisica è essenziale per un sano equilibrio ormonale.

L’esercizio fisico di 1,5-2,5 ore a settimana aiuta il corpo a produrre ormoni in modo naturale e a regolarne i livelli. Anche piccoli cambiamenti nelle abitudini quotidiane possono fare una grande differenza, come camminare o andare in bicicletta invece di guidare quando possibile, e prendere le scale invece dell’ascensore.

  • Una dieta ricca di cibi integrali e non trasformati può aiutare a mantenere o migliorare l’equilibrio ormonale.

 Mangia molta frutta fresca, verdura e cereali integrali e riduci al minimo gli alimenti trasformati

  • Il sonno regolare è fondamentale per mantenere l’equilibrio ormonale.

Punta ad almeno 7 ore di sonno ininterrotto alla stessa ora ogni notte e ti sveglierai fresco e pieno di energia! Cenare presto ed evitare gli schermi per qualche ora prima di andare a letto ti aiuterà a raggiungere questo obiettivo.

  • Mantieni l’assunzione di vitamina D mangiando pesce azzurro come salmone e sardine. Prendi in considerazione l’assunzione di integratori di vitamina D come l’olio di fegato di merluzzo nei mesi autunnali e invernali, quando l’esposizione al sole è bassa.
  • Mangiare cibi ricchi di iodio come frutti di mare, alghe, uova e latticini può aiutare a mantenere alti i livelli di iodio. Passare al sale iodato è una buona ed economica alternativa per evitare la carenza di iodio, soprattutto in gravidanza.
  • Mangiare cibi ricchi di calcio come yogurt, mandorle, fagioli e verdure a foglia verde scura aiuterà a proteggere ossa e denti.

Chiedi al tuo medico se gli integratori di calcio sarebbero appropriati per te. Vitamina D, iodio e calcio sono essenziali per un sistema endocrino sano L’attività fisica, una dieta equilibrata e un sonno regolare sono tutti elementi essenziali per la salute endocrina Riconoscere il ruolo chiave degli ormoni nella salute europea

  • Gli imballaggi in plastica sono una fonte comune di interferenti endocrini.

Per ridurre l’esposizione, cerca etichette prive di BPA e BPS. Utilizzare contenitori di vetro o acciaio inossidabile invece di contenitori e bottiglie di plastica. Bevi l’acqua del rubinetto invece dell’acqua in bottiglia. E mai la plastica nel microonde!

  • L’aria all’interno e all’esterno della casa può contenere proprietà di interferenza endocrina.

Per ridurre al minimo l’esposizione in casa, aspirare, spolverare e ventilare regolarmente per ridurre la presenza di particelle di polvere.

  • I prodotti per la cura e i cosmetici possono avere un effetto di interferenza endocrina. Controlla gli ingredienti e cerca di evitare di acquistare cosmetici che contengono sostanze chimiche che alterano il sistema endocrino come ftalati, parabeni e triclosan.
  • Se si verifica uno dei seguenti sintomi, è importante consultare un medico per ottenere una diagnosi accurata.

• Aumento/perdita di peso inspiegabile

• Sensibilità al freddo

• Cambiamenti nell’appetito

• Capelli e unghie fragili

• Affaticamento

 • Pelle secca e squamosa

• Insorgenza di depressione

• Sete eccessiva

• Segni di pubertà precoce o tardiva (al di fuori degli 8-13 anni nelle ragazze e dei 9-14 nei ragazzi)

• Specifico per gli adulti: perdita della libido, cicli mestruali irregolari, infertilità

Qual è l’obiettivo per il 2024?

 Quest’anno ci concentriamo sulla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul ruolo vitale che gli ormoni svolgono nella salute e nella malattia. Se da un lato abbiamo bisogno che i responsabili politici creino le condizioni per la salute endocrina e sostengano il miglior trattamento e la migliore cura possibili, dall’altro ci sono anche azioni che tutti noi possiamo intraprendere come individui. La sfida è che non tutti capiscono l’importanza della salute ormonale o sanno quali sono queste azioni. Quindi, per la Giornata europea dell’ormone, tutti sono incoraggiati a promuovere i piccoli passi che tutti possono fare verso una migliore salute ormonale.

Obbiettivi

  • Coordinare l’azione dell’Europa e degli Stati membri per prevenire le carenze ormonali evitabili garantendo a tutti i cittadini europei un apporto giornaliero sufficiente di iodio, vitamina D e calcio, riducendo in tal modo le disuguaglianze geografiche, di età, di genere ed etniche.
  • Attuare politiche mirate volte a sostenere e promuovere uno stile di vita sano, comprese diete sane e attività fisica a prezzi accessibili, per affrontare la crescente prevalenza di obesità, diabete, malnutrizione e condizioni metaboliche correlate.
  • Favorire il coordinamento dei piani d’azione nazionali per la salute nell’ambito di un ombrello sanitario comune europeo per affrontare le principali sfide sanitarie legate all’obesità, al cancro e alle malattie rare.
  • Garantire l’impegno a sviluppare un sistema di rete di riferimento europeo maturo che sia integrato nel sistema sanitario di ogni Stato membro per ridurre le disuguaglianze nella cura dei pazienti affetti da malattie rare.
  • Proseguire l’azione legislativa nell’ambito del Green Deal dell’UE e della strategia in materia di sostanze chimiche per la sostenibilità per garantire la regolamentazione di un ambiente non tossico e il divieto di composti che influiscono negativamente sul sistema endocrino e proteggono i gruppi più vulnerabili della società.
  •  Investire nella ricerca di base, traslazionale, clinica e centrata sul paziente che esamina le origini, la diagnosi, la prevenzione e il trattamento delle malattie endocrine è un prerequisito per frenare il costo sociale e individuale sempre crescente legato alla diffusione delle malattie ormono-dipendenti.
  •  Sostegno alle società scientifiche e ad altre parti interessate del settore sanitario nei loro sforzi per sviluppare, diffondere e integrare nuove linee guida cliniche per garantire che i pazienti europei abbiano accesso alle migliori cure disponibili.
  • Per l’occasione l’UO di Endocrinologia Universitaria, Azienda Ospedaliero Universitaria Ospedali Riuniti di Foggia  aprirà nella  giornata del 24 aprile, dalle 8.30 alle 13.30 uno sportello telefonico dove i Cittadini possono chiamare per avere informazioni riguardanti la prevenzione, la diagnosi, le cure ed i Servizi disponibili presso l’ Azienda e l’Unità Operativa.
Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti
Matteo Gentile
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Domenico La Marca

Comunicato Stampa

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ilsipontino.netPer segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati