Storia

Il venditore di Via San Lorenzo – 1959

Manfredonia – GUARDO Manfredonia attraverso un’immagine mistica,tra cielo e mare, colta nell’aria rigida della primavera, in un pomeriggio di silenzio,osservo attentamente le nuvole di grazie di una rinascita tutt’uno alla superficie , dell’acqua stesa come un’anima, colma di tranquillità come una giornata di un’ angoscia di stanchezza che ti appanna la vista. Questo chiarisce che la nostra città sotto le onde è viva, e porta su tutta la sua energia di sopravvivenza, a voler far continuare la sua storia ; in una “parola” che sia la nostra.

A proposito del vento che soffiava nelle mattine bianche rigide tremolanti con gesta a coprirsi anche il capo con un cappello di lana, di aria secca e di asfalto ruvido di via Tribuna,quei rami spezzati per terra col fumo dalla bocca che saliva in alto, come l’albero più alto sul marciapiede che si intrecciava contro una facciata di un vecchio palazzo. Me lo raccontava la mamma eravamo nel 59 ,che ora dimora nell’altra luce: io ancora non potevo vedere questa meraviglia non ero ancora nato in quel sonnacchioso via vai.. vedevi due che vendevano l’acqua, facevano su e giù per le vie figlio e babbo,mentre era molto importante il venditore di abiti e prodotti anche per l’igiene,magro un po’ alto, con la carretta berciava con una voce strana e un’andatura particolare e il comportamento un po’ da scemo,vendeva e chiedeva e con movimenti scoordinati sorrideva.

Codesta persona portava con sè tutta la fioritura della gente che accontentava il più possibile ..col suo cappottino striminzito,con una mano sulla carretta e con l’altra fumava e digrignava nella sua instabile salute:qualcuno lo prendeva per cretino..ma era evidente ch’era un po’ malato. aveva anche in metallo piccoli recipienti per versare l’olio sul pane..il benedetto che dava sostanza e facoltà all’organismo.

Contava la sua presenza tutti i giorni specialmente nella parte di Corso Roma  e di Via San Lorenzo , fino giù alla via del mare del Largo Diomede, proprio di fronte alla rigogliosa sorgente, col suo sorriso stonato. In brevi tratti seduto al gradino di marmo di un portone a riposarsi.. e continuando a fumare una sigaretta di carta bianca: mentre il gelo saliva sempre più nel cielo gonfio e bianco minaccioso di nevicate, se ne stava con lo sguardo all’aria di un vento di rinnovo, che respirava in attesa del pranzo:pian piano il paese iniziava a diventare classico del nostro profumo particolare di timo.

Di Claudio Castriotta

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button
Close