fbpx
Viaggi

Speciale Viaggi, i consigli de “IlSipontino”: Dover

Il castello di Dover è il monumento più importante della città: originariamente fortificato prima dell’invasione romana (della quale sopravvive tuttavia un faro alto 24 metri), divenne in seguito un forte sassone; venne poi ulteriormente ampliato da Guglielmo il Conquistatore, e solo all’inizio del XIII secolo, dopo la tentata invasione di Luigi VIII e la strenua difesa del castello ad opera di Hubert de Burgh, assunse l’attuale aspetto, che lo rende uno dei monumenti storici meglio conservati al mondo, e che conseguentemente richiama migliaia di visitatori ogni anno. Durante le Guerre Napoleoniche venne inoltre ridotto lo spessore delle mura in alcuni punti del castello, e nello stesso periodo vennero scavati dei tunnel sotterranei, ampliati poi durante il secondo conflitto mondiale.

L’importanza di Dover come città portuale era nota già dall’età del Bronzo, grazie al già citato ritrovamento di una nave risalente a quel periodo; ma al di là di ciò, il porto di Dover è da sempre stato di vitale importanza per la città, dal periodo sassone a quello normanno, e negli anni successivi: basti pensare che Riccardo Cuordileone partì proprio da Dover per la Terza Crociata; inoltre nel 1606 l’allora re d’Inghilterra Giacomo I emanò il “Royal Charter”, che definiva sostanzialmente il passaggio della gestione del porto dalla “Corporation” alla “Warden and Assistants of the Port or Harbour of Dover”, in modo da migliorarne l’efficienza. Numerosi altri moli furono costruiti nel corso degli anni, dall’Admiralty Pier (iniziato nel 1847 e successivamente ampliato) al Prince of Wales Pier (iniziato nel 1892). Durante il secondo conflitto mondiale il porto di Dover fu il teatro dell’arrivo delle navi alleate scampate al famoso disastro di Dunkerque. Oggi il porto è essenzialmente diviso in due parti: negli “Eastern Docks” operano le navi adibite al trasporto auto e passeggeri in Europa, mentre i “Western Docks” sono riservati alle navi veloci (i cosiddetti Hoverspeed) e alle navi da crociera, che qui attraccano in ogni periodo dell’anno.

Le “bianche scogliere di Dover”, famose in tutto il mondo, sono forse la meraviglia naturale più famosa di questo angolo di Gran Bretagna. Esse si trovano a pochi chilometri dalla città e raggiungono l’altezza massima di 350 piedi (all’incirca 105 metri). Sono composte prevalentemente di calcare e cominciarono a formarsi durante il periodo Cretaceo, circa 136 milioni di anni fa, in seguito ai numerosi sedimenti accumulatisi sul fondo dell’oceano, con un ritmo di 0,015 mm all’anno, fino a raggiungere la forma attuale. Le scogliere continuano tuttora ad erodersi, e per questo motivo le guide del posto consigliano ai turisti di mantenersi a una distanza di almeno cinque metri dal precipizio.

 

Come arrivare: 1 ora e 42 in treno da Londra o attraverso il tunnel della Manica venendo dalla Francia



Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button