Poesie

“Il mio villaggio”

Il mio villaggio, dove ho vissuto, 
aveva un cuore nudo,
un muto linguaggio e un orecchio sordo.
Un nodo controvento,
venti gabbiani su uno scoglio, 
un sogno monco e un cielo azzurro, 
anche al tramonto sembrava giorno. Aveva un mare,
così abbondante di mareggiate libere, 
che s’infrangevano contro un muretto a due passi 
dalle case.
Il canto delle onde la notte,
che mi cullavano di sonno profondo e sereno,
piccolo bimbo in un cielo nero, 

che camminava in un corridoio bianco.

Di Claudio Castriotta 

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati

Back to top button