Caratù: “Dopo aver preso la patente di cretini, in arrivo quella di fessi”

Questa città, credo la più vessata di Puglia se non d’Italia, sta subendo nell’assoluto silenzio

Un danno economico ed una palese umiliazione da parte di organizzazione regionali senza precedenti. Frutto di una sciagurata politica miope e poco rispettosa della Capitanata da parte del governatore Emiliano.

Manfredonia una delle città più popolose della Puglia, produce rifiuti in quantità notevoli con picchi nei mesi estivi, soprattutto di organico ed indifferenziato, che viene conferito in discarica per il trattamento. Dal 2016 questo costo è diventato sempre più importante  tant’è che da tale data è il comune a pagare il suo costo e non più L’ Ase s.p.a

 Manfredonia era capofila della sua ATO con altri comuni e provvedeva a conferire detti rifiuti presso la società eco progetto di Milano, ad un costo accettabile, detta società ha impianti propri ed efficienti per i trattamenti  dei rifiuti con notevoli produzione di compost e biogas.

 Il governatore Emiliano con le sue politiche di riordino ha imposto  un’unica ATO regionale con a capo un fedelissimo già presidente AMIU ed ora commissario ad acta AGER Puglia Avvocato Gianfranco Grandaliano, lo stesso che spesso in consiglio Regionale viene interrogato per le sue consulenze esterne di circa 300mila euro l’anno, lo stesso che dal 2016 dovrebbe elaborare un piano rifiuti fattibile è credibile.

Ebbene con AGER i comuni e le municipalizzate di fatto sono obbligatia  conferire i rifiuti a società indicate nella regione, altrimenti data la mole di rifiuti si dovrebbe ricorrere ad una gara europea, meccanismo che il comune di Manfredonia ed altri  non sono in grado di attendere. Ovviamente le  tariffe sono imposte dal monopolista di turno.

Il comune di Manfredonia tramite Ase conferisce parte importante ad Ecodaunia di Cerignola,

Che non avendo impianti per il trattamento propri si avvale di ecoprogetto di Milano ovviamente tutto questo comporta un sovrapprezzo ed un maggior costo per i manfredoniani con una cifra all’incirca doppia ( da quantificare  esattamente )

Ma AGER quali interessi tutela.? Dei monopolisti che essa stessa crea o dei contribuenti?

Questa città sarà composta da cretini ma non da fessi!  O forse no !

Confidiamo nelle buone pratiche del prefetto Piscitelli affinché ripristini la correttezza e non autorizzi gabelle a carico dei cittadini già fortemente penalizzati.

Giovanni Caratù

McF




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*