Attualità Capitanata

Assegno di Inclusione: in corso le attività di validazione delle certificazioni

Maria Teresa Valente
Matteo Gentile
Domenico La Marca
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo Manfredi Ricevimenti
Antonio Tasso
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Gelsomino Ceramiche

Sono in corso le attività di validazione delle certificazioni per l’assegno di inclusione.

Lo assicura la ASL Foggia.

Individuati i referenti dei vari servizi, ad oggi, le attività risultano, in gran parte, in via di conclusione.

Con la circolare n. 623 l’INPS, ai fini del riconoscimento del beneficio dell’assegno di inclusione, ha reso disponibile il servizio denominato “Validazione delle certificazioni ADI”.

Attraverso questo, le ASL possono validare le dichiarazioni rese dai cittadini, relative alla certificazione attestante le condizioni di svantaggio e l’inserimento nei programmi di cura e assistenza dei servizi socio sanitari territoriali, come previsto dall’art. 2 del Decreto Legge n. 48/2023.

È bene chiarire che, ai fini del riconoscimento del beneficio dell’Assegno di Inclusione da un punto di vista sanitario, la persona deve soddisfare due requisiti:

  • trovarsi in condizioni di svantaggio;
  • essere titolare del percorso clinico di cura e di “presa in carico” da parte del Servizio Sanitario e di un programma di cura e assistenza denominato PAI.

La condizione di svantaggio, necessaria ai fini dell’Assegno d’Inclusione, è riconosciuta esclusivamente agli utenti che vengono inseriti nel percorso di cura definito “presa in carico”. Un percorso di trattamento integrato per coloro che presentano bisogni complessi e che necessitano di una valutazione multidimensionale e di interventi da parte di profili professionali differenti.

 Sono esclusi da tale riconoscimento i modelli di assistenza che riguardano la “Collaborazione/consulenza” e la “Assunzione in cura”.

Il compito del referente della ASL è esclusivamente di validare l’autocertificazione del richiedente, qualora contenga tutta la documentazione richiesta, senza alcuna interpretazione discrezionale.

La ASL di Foggia, da sempre vicina ai cittadini, rassicura che sta lavorando in maniera costante e attenta per garantire sostegno e cure adeguate alle persone che si trovano in condizioni di fragilità.

Assegno di Inclusione: in corso le attività di validazione delle certificazioni

Sono in corso le attività di validazione delle certificazioni per l’assegno di inclusione.

Lo assicura la ASL Foggia.

Individuati i referenti dei vari servizi, ad oggi, le attività risultano, in gran parte, in via di conclusione.

Con la circolare n. 623 l’INPS, ai fini del riconoscimento del beneficio dell’assegno di inclusione, ha reso disponibile il servizio denominato “Validazione delle certificazioni ADI”.

Attraverso questo, le ASL possono validare le dichiarazioni rese dai cittadini, relative alla certificazione attestante le condizioni di svantaggio e l’inserimento nei programmi di cura e assistenza dei servizi socio sanitari territoriali, come previsto dall’art. 2 del Decreto Legge n. 48/2023.

È bene chiarire che, ai fini del riconoscimento del beneficio dell’Assegno di Inclusione da un punto di vista sanitario, la persona deve soddisfare due requisiti:

  • trovarsi in condizioni di svantaggio;
  • essere titolare del percorso clinico di cura e di “presa in carico” da parte del Servizio Sanitario e di un programma di cura e assistenza denominato PAI.

La condizione di svantaggio, necessaria ai fini dell’Assegno d’Inclusione, è riconosciuta esclusivamente agli utenti che vengono inseriti nel percorso di cura definito “presa in carico”. Un percorso di trattamento integrato per coloro che presentano bisogni complessi e che necessitano di una valutazione multidimensionale e di interventi da parte di profili professionali differenti.

 Sono esclusi da tale riconoscimento i modelli di assistenza che riguardano la “Collaborazione/consulenza” e la “Assunzione in cura”.

Il compito del referente della ASL è esclusivamente di validare l’autocertificazione del richiedente, qualora contenga tutta la documentazione richiesta, senza alcuna interpretazione discrezionale.

La ASL di Foggia, da sempre vicina ai cittadini, rassicura che sta lavorando in maniera costante e attenta per garantire sostegno e cure adeguate alle persone che si trovano in condizioni di fragilità.

Matteo Gentile
Antonio Tasso
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Maria Teresa Valente
Centro Commerciale Gargano
Domenico La Marca
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo Manfredi Ricevimenti

Comunicato Stampa

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ilsipontino.netPer segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati