Viaggi

Nasce il progetto di network delle Marine Pugliesi

Il progetto MARINE di Puglia intende valorizzare la risorse “mare” della Puglia, quale leva competitiva di attrazione dei circuiti internazionali del turismo, e vede nei MARINA e nelle aree connesse del settore della nautica dei gateway turistici delle città, nelle quali devono svilupparsi buone pratiche di servizi di accoglienza e potenziali nuovi ed integrativi modelli di efficiente organizzazione che ruotano intorno alle realtà e istituzioni locali nonché alle Autorità Portuali. 

Sul modello del Consorzio delle Marine della Toscana, con cui è stata avviata da tempo una interlocuzione e uno scambio virtuoso di buone prassi e iniziative – da ultimo al Salone di Düsseldorf 2020 – è nato il progetto di un network di MARINE Pugliesi che con un fil rouge unisca tutti i MARINA, da quelli più piccoli a quella di dimensioni di grandi e con una maggiore ricettività, e le località i borghi marinari che sorgono sulle nostre coste per promuovere il brand Puglia al fine di intercettare nuove fette del mercato dei flussi diportistici e, parallelamente, elevare gli standard dei servizi. L’obiettivo è la realizzazione di una rete in grado di trasformare degli approdi turistici da semplici “parcheggi di barche” ad “Alberghi per yacht e maxi yacht” nonché a luoghi di accesso al territorio e alla sue peculiarità storiche, culturali, museali ed enogastronomiche con conseguente potenziamento dei posti barca.

Realizzare, quindi, un sistema che secondo un modello “win-win” crei nuove opportunità di sviluppo per tutti gli operatori economici facilitando il rilancio delle economie locali tramite la valorizzazione delle eccellenze del patrimonio artistico, naturalistico e turistico senza dimenticare l’internazionalizzazione. L’obiettivo è agire su linee direttrici che consentano al settore pugliese di fare un balzo che segni il passaggio da una collaborazione basata sul know how professionale ad una collaborazione più “turistica” e in grado di superare la “stagionalità”, con i paesi dell’area balcanica con i quali sono già attive delle intese e collaborazioni non solo a livello istituzionale ma anche delle aziende pugliesi.

Il raggruppamento ha tra i suoi obiettivi la promozione all’estero dei MARINA – nell’ottica dello sviluppo di un turismo innovativo ed integrato – a sostegno a tutto il comparto e tale da favorire progetti di internazionalizzazione, che passino anche dalla capacità delle realtà e aziende nautiche di investire in ricerca e innovazione di prodotti e processi e che attivino la creazione anche di reti di impresa nonché reti collaborative tra i MARINA e gli istituti di istruzione e formazione marittimi del Mediterraneo e le Università per sviluppare competenze pertinenti e promuovere le professioni marittime in collaborazione con le imprese e le autorità pubbliche e in linea con i fabbisogni formativi.Un network che sviluppi una gamma di servizi per MARINE al fine di adottare sistemi tecnologici innovativi rivolti alla gestione più efficiente delle risorse interne (umane e economiche) anche sotto il profilo ambientale “MARINE SOSTENIBILI E #PLASTICFREE” (come colonnine intelligenti, monitoraggio ambientale, automatizzazione delle procedure d’attracco, ad esempio) per un vantaggio concreto per i clienti e in grado di intercettare i finanziamenti nazionali e comunitari come HORIZON 2020 e INTERREG EUROPE. 

I MARINA, inoltre, quali di luoghi di promozione di comportamenti attivi e virtuosi finalizzati al rispetto e alla conservazione dell’habitat marino, attraverso iniziative di educazione ambientale che sensibilizzino i diportisti.


Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button
Close