Libri

Il canto XIII del Purgatorio in dialetto sipontino

La Divina Commedia in dialetto sipontino

A cura del prof. Pasquale Ognissanti

PURGATORIO

Canto XIII

Stèmmendunzopanzope de llischéle
ddu pe lla seconda volte ce seghe
llu monde, c’anghjananneatesmamméle,
addàcumenacurnicecj’alleghe
atturne u luche, accumellapremére
schjitte ca ll’archecchjù forte ce streghe.
Ombre ne ngesté, né sègne c’appére:
cchessìlla ripe, llustèsse a vijaschètte
p’uchelorelivede d’a petrére.


“S’addumanné a qquàgèndecj’aspètte”
rraggjuneve u Pojete “pènze ca forse
troppe timbe d’aspettècj’àmmamètte.”
Po’ fisse fissell’ucchje a sole ò ndorse, .
da llavannadèstrecj’ ò fatte cèndre
e da llasenistre pe jissecj’ ò sborse.
“ O lume dolce, c’a cunfedènzenzèndre
pe llavija nove tu mo m’adduce”,
deceve, “cum’ ji ce volend’uvèndre,
tu scalefe u munne, sop’ jisse luce,
s’atemutivecondre ne nn’jipronde,
lliraggetuvesèmb’ ànn’jèsse duce.”
Quande da qqua nu megghjeje ce conde,
tande da llàgjà ce ne jèmmejite,
nda poche timbe e pe llavogghjepronde.
A llu quarte nustre ce so’ sendite,
però no vviste, spirete, parlanne.
d’a tavele d’amore bbèllenvite.
Lla prima voce ca passévulanne,
vinum non habent, forte llu disse
e ddret’anuje u jèttereplecanne. (30)
E mbrime ca tutte ne ngesendisse
p’alundananze, n’ate:” So’ Orèste”,
passégredanne e pure ne ngj’affisse.
“O Pédre” àgghje ditte, “che voc’jiquèste?”
E mèndre c’addumanneve, ecc’atèrze
Decènne: “ Amète a chi llumél’avèste”.
LlubbuneMajèstre: “ stucirchjesfèrze
lla colpe de ll’ammidje, ma so’ ndune
déte d’amore i zoche dellastèrze.
Llufrenevol’èsse a cundrarjesune;
crede ca l’adda sènde a mijeavvise
prime c’arriv’u passe d’u perdune.
Ma ficchell’ucchje pe ll’arjachjùmbise
e vide gèndennanz’anuje a sote
e agnunelung’a grotte ji assise.”
Allore cchjù de prime ll’ucchjeè scote.
me guardennanze e ved’ jombrep’i mande
no devèrse de lluchelore a prote.
Po’ c’arrevamme nu poche cchjùnnande,
sendìgredé: “Marijeprì’ pe nuje”;
gredéMechele e Pitre e tutt’i Sande.
Ne ngrede cap’atèrrevéaccuje
jometandetusteca nfossepunde
ngumbassjonequèdde ch’é viste u puje:
ca quannevecine a llore so’ ggjunde,
ca de lli mosse lore ijejevecèrte,
ndall’ucchje a delore forte fu munde.
De povrescavinejévenengupèrte,
june a ll’ate a fésuppondep’a spalle
e tutte sop’a ripe jévenesuffèrte. (60)
Cchessìlli ciche ca lla robbe i falle manca
stanne nd’iperdune a vulìllibbesogne
e junesop’ann’ate a chépell’avvalle,
ca ndall’ate a piatàlèste ce ngogne,
nopure p’usune de lli parole,
ma pe lla viste ca ndemeneagogne.
E ccum’alli ciche n’arrive u sole,
cchssìll’ombre ca parleve ore ore.
lla luce da ngile a darce ne nvole.
c’a tutte fil’efirre a cègghjesfore
ce cuse, cum’avucillesalvagge
ce fé, bbaste ca ngujetendemore.
Me pareve de scìafé n’oltragge,
vedìll’ate senz’avìrmea vedute,
pe quèsteaggerémevise a llu sagge.
Bbunejissesapevellu ditte d’u mute,
però nn’aspetté da mélladumanne,
ma disse: “Parle, ma bbreve e argute”.
Vergiljeveneve da quèdda vanne
de llacurnice, addu cadì ce pote,
pecchéndanjuna sponde ce ngherlanne
d’ata vanne me stévenei devote
jombre, ca pe llabbruttecuseture
spremèvene sì, ch’i bbagnevei gote.
Mm’aggerè a llore: “O ggènda secure”,
cumenzé,” de vedì u granne Lume,
c’u desedèrjevustreten’a cure;
se subbet’agrazje v’assogghj’iscume
de llacuscènza vostre, sì ca chjére
pe jésse da llammèndeascènne u fjume, (90)
diteme (ca me so’ grazjuse e chère)
s’anemesté tra vuje ch’ji latine,
e pot’èssebbunep’jèsse se ll’appère.”
“O frétemije, agnuneji cittadine
de nacettà vere, e tu che vù, dì
se cambassenn’Italjapèllegrine”.
Quèste a respostemm’ji parse sendì
nu munnennanze, ca llaaddusteve;
ca me fecj’ angore cchjùllaacchì
Tra ll’ate è viste n’ombre c’aspetteve
a vviste, e juneavèssa dice: “Come?”
p’ubbècche; accum’i ciche suseaveve.
“Spirte”, è ditte, “ca p’anghjané t’addome
se tu si cudde ca me respunniste,
fammene cunde o pe luche o pe nome”.
“Fuje Senese” ò respuste,”e pe quiste
ateije cange quàlla vita rije,
lagremanne a Cuddu, ca me démbriste.
Sagge nzo’ stéte, succede Sapije
fussechjaméte, a ll’ate è fatte danne
cchjùcundènd’asséje, ca p’avèndamije.
E pecché tu ne ngride ca te nganne,
sinde se fuje, accume u diche, folle.
Ggjàscennènnel’arche d’i miche janne
Lli cittadine mijejévenenColle
nd’ucambe site p’i lore avvèrsarje,
prejeveDdijequèdde ch’Jisse volle.
Qua ànnepèrse, e vulìllipescarje
passe a fujì, e vedènnella cacce,
lètizj’avì a tutte ll’atemaccarje:
tande ca suse è puste a tosta facce,
gredann’aDdije: “Orméje ne nde teme
cumemèrlefép’a poca bbunacce.
Pécevulì pe Ddije a llustreme
d’a vita meje; e angore nzarèbbe
p’apenetènze, studuvere sceme,
se cjò ne nfosse, c’a memorjejèbbe
Pier Pettinagnop’isandeorazjone,
ca ndammè pecaretàaccrescèbbe.
Ma tu che ssì, ch’i nostre cundezjone
védumannanne, e purtell’ucchje sciolte,
cume crede, e resperannearraggjone?”
Ll’è ditte: “ll’ucchje qua me ll’ànne stolte,
ma pochetimbe, ca poche jill’offese
fatte pe jèsse pe llanvidje accolte.
Troppe jicchjùllapavure, ch’ji sospese
ll’anemameje, d’u turmindesotte
c’u piseme de llàbbasce me pese.”
E jèss’ammè:“Chi dunghe t’ò cundotte
suse da nuje, se a turnégjacride?!
Ije: “Custe ch’ji miche, e ne nfé motte:
e vive songhe, e però tu mi chjide,
spireteèlètte, ste vu’ ca move
da llà, pe ttè, quistemurtélepide.”
“O, quèst’assènde si ch’ji cosa nove,”
Respuse, “grannesègnejiDdije t’éme;
però p’aprecjatove me n’aggiove,
t’addumanne, pe quèdde ca cchjùbréme,
s’avissatucchéllatèrraTuschéne,
c’a lliparinde tu me purt’aféme.
Ti ll’addavedì tra llagèndavéne,
ca spera nda Talamone, e sbaccaglje
cchjù de speranze,c’atruvéDejéne,
ma de cchjùànnapèrdell’ammeraglje. (154)

Noi eravamo al massimo della scala,/ dove per la seconda volta si risega/ il monte, che salendo ad altri toglie il male,/ dove come una cornice circonda (lega)/ intorno il luogo, come la prima,/ solo che l’arco si piega più forte. / Ombra non vi è, né segno che può apparire;/ così sembrala riva, e sembra che la via sia libera (schietta)/ con il colore livido della pietraia./” Qui si aspetta le gente per doman-dare”,/diceva il Poeta, “temo forse /che la nostra scelta (eletta) dovrà aspettare (indugio) molto.”/ Poi porse gli occhi verso il sole con insistenza (fisamente);/ e dalla parte destra andò verso il centro,/ e si contorse per la parte sinistra,/ “ O dolce lume, nella cui sicurezza io entro, / per il nuovo cammino tu mi conduci”/ Diceva,” come condurre si vuole, qui io entro./ tu scaldi il mondo, tu brilli (luci) su di esso,/ se altro motivo in contrario non vi è (pronta)/ i tuoi raggi devono essere sempre sovrani (duci).”/ Quanto di qua si conta un migliaio,/ tanto di là noi eravano già andati,/ in poco tempo e con tanta (pronta) voglia./ E verso di noi si sentirono,/ però non visti, (degli) spiriti, parlando/ per la mensa d’amore inviti cortesi,/ la prima voce che passò volando. /Vinum non habent,disse ad alta (voce),/ e dietro di noi l’andò ripetendo.(30)
E prima che del tutto non si udisse,/ per allontanarsi, un’altra: “Io sono Oreste”,/ passò gridando, ed anche non si fermò (affisse)./” O Padre”. Ho detto, “che voce è questa?”/ E mentre che chiedevo, ecco la terza,/dicendo: “Amate (chi) dal quale aveste male.”/ Il buon Maestro. “ Questo cerchio sferza/ la colpa dell’invidia, però sono /prese (tratte) dall’amore le corde della frusta (ferza)./Il freno vuole essere il contrario del suono,/credo che l’udirai, per mio avviso,/prima che si giunga al passo del perdono,/ Ma porgi (ficca) gli occhi per l’aria con più insistenza (fiso),/e vedrai innanzi a noi gente seduta,/e ciascuna è posta lungo la grotta.”/Allora più di prima ho aperto gli occhi, e vedo avanti (del-le) ombre con i manti/ non diversi dal colore della pietra./ E poi che arrivammo un po’ più avanti /sentii gridare:“Maria, prega per noi,”/ed invocare (gridar) Michele, Pietro e tutti i Santi (Ognissanti)./ Non credo che per la terra vada oggi (ancoi)/ uomo così agnostico (duro) che non sia punto,/ per com-passione da ciò che io ho visto,/ché quando son giunto vicino a loro,/che degli atti loro erano visibili (certi),/per gli occhi fui preso (munto) da gran dolore./Mi sembrava che erano coperti da vile tunica (cilicio),/e l’uno offriva (sofferia) la spalla all’altro,/e tutti erano appoggiati (sofferti) alla riva. (60)
Così (come) i ciechi, a cui la vista (roba) manca (falla),/stanno nelle chiese (a’ perdoni) a chiedere il loro bisogno,/ ed uno sull’altro la testa si avvalla,/ perché in altri pietà subito si ponga,/ non anche per il suono delle parole,/ ma per la vista che non di meno agogna./ E come ai ciechi non arriva il sole,/ così alleombra che ora io parlavo,/ la luce del sole da sé non vuol dare (largir), /che a tutte un filo di ferro buca li occhi (ciglia),/e li cuce così, come ad un uccello (sparvier) selvaggio/si fa, affinché (però) non rimanga (dimora) quieto./ Andando mi pareva di fare oltraggio,/ vedendo altri senza essere visto,/ per cui mi rivolsi al mio saggio consigliere,/ Lo sapeva bene che cosa voleva dire il muto,/ e però non attese la mia domanda,/ma disse. “Parla, ma devi essere breve ed arguto”./ Virgilio mi veniva da quella parte/della cornice, da dove si può cadere,/ perché da nessuna sponda è circondata (s’ in-ghirlanda)./ Dall’altra parte mi erano (vicine) le devote/ ombre, che per la ripida costa,/ premevano tanto che (le ) lagrimavano le gote./Mi girai verso di loro: “O gente sicura”/, iniziai “di vedere l’alto Lume,/ che il vostro desiderio ne ha cura,/ se subito la grazia dischiude (risolva) le schiume (nebbia)/ della vostra coscienza, sì che chiaro/ per essa scenda il fiume della mente,/ (90)
Ditemi (che mi sia gradevole e caro)/ se qui, tra voi vi è anima che è latina;/e buono per lei po-trebbe essere se la raffiguro (apparo).”/ “O fratello mio, ciascuno è cittadino/di vita eterna (vera città), e tu che vuoi, dici,/ se vive nell’Italia preregrina.”/ Questa per risposta mi è parso di udire,/ molto più avanti, che lì, dove io stavo, / mi feci più innanzi per ascoltare./ Tra le altre ho visto un’ombra che aspettava/ in vista; e che volesse dire qualcosa: Come?/ il mento, come un cieco, levava verso l’alto./ “Spirito”,ho detto, “che per salire ti mortifichi (dome),/ sei tu quello che mi rispondesti,/ fatti cono-scere (conte) o per luogo o per nome.”/ “Io fui Senese”, rispose, e con questi/ altri io cambio la vita cattiva,/ lagrimando a Colui, che sé concede (presti)./ Non fui Savia, anche se Sapia/ fossi chiamata, e dei danni altrui/ fui assai lieta, per la mia ventura./ E perché tu non creda che io ti inganni / ascolta se fui, come io ti dico, folle,/quando già avevo superato l’arco dei miei anni (35 anni)./ I miei (con)-cittadini erano di (presso) Colle,/ giunti nel campo con i loro avversari,/io pregavo Iddio per ciò che egli volle,/furono sconfitti, e portati negli amari/ passi della fuga, e vedendo la carneficina (caccia), / fui presa da letizia senza pari (dispari),(120)
tanto che volsi in alto il viso ardito/ gridando verso Dio: “ Ormai più non ti temo;/ come fa il merlo per la poca bonaccia./ Volli la pace con Dio all’estremo/ della mia vita; ed ancora non sarebbe/ dimi-nuito per penitenza il mio debito (dover),/ se ciò non fosse, che a memoria mi ebbe/ Pier Pettinagno nelle sue sante orazioni, /che per me per carità aumentò./ Ma tu chi sei, che le nostre condizioni/ vai domandando, e porti gli occhi aperti (sciolti),/ così come io credo, e ragioni respirando?”/ Io dissi “Gli occhi mi furono pure tolti/, ma per poco tempo, perché poca è l’offesa/ fatta per essere girati (volti) per invidia./Troppa è di più la paura, per cui è sospesa/ l’anima mia, del tormento di sotto,/ che già il carico di laggiù mi pesa.”/ E lei a me: “Chi dunque ti ha condotto/ sopra da noi. se credi già di tornare?”/ Ed io: “Questo che è con me e non parla (non fa motto); /e sono vivo, e però (se) mi chiedi,/ Spirito eletto, se tu vuoi che mi muova (operi)/ per te, di là i piedi mortali, ancora.”/ “O questa a sentirsi sì (che) è cosa nuova (buona notizia)”/ rispose, “ ed è un segno grande che Dio ti ama,/ purché (però) con la tua preghiera mi sia di giovamento/ e ti chiedo per ciò che tu più desideri (brami),/ se mai calpesti la terra di Toscana/ che tu a miei parenti (propinqui) mi rinnovi la fama,/ tu li vedrai tra quella gente sciocca (vana),/ che spera in Talamone, vi perderà/ la speranza più che a trovare la Diana,/ ma di più vi perderanno i comandanti (ammiragli)(154)

Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Centro Commerciale Gargano

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net