Natura

Nascerà a Roseto Valfortore il Centro territoriale di prima accoglienza della fauna selvatica della Provincia di Foggia

Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti
Casa di Cura San Michele
Promo UnipolSai ilSipontino.net

Nascerà a Roseto Valfortore il Centro territoriale di prima accoglienza della fauna selvatica della Provincia di Foggia

Con l’approvazione della convenzione tra la Regione Puglia e il comune di Roseto Valfortore avvenuta in questi giorni, possiamo finalmente ufficializzare la nascita sul nostro territorio del “Centro territoriale di prima accoglienza della fauna selvatica omeoterma in Provincia di Foggia”.

Questo Centro avrà come obiettivo primario quello di curare e recuperare gli animali trovati feriti o in difficoltà e restituirli alla libertà.

Il Villaggio Primavera di Roseto (area destinata alla realizzazione del centro) è uno dei cinque complessi turistici (insieme a quelli di Volturino, Volturara Appula, Castelnuovo della Daunia e Carlantino) che fanno parte del progetto “primavera” avviato nel 1998 dalla Comunità dei Monti Dauni Settentrionali e finanziato con la Legge 64/1986, composto da mini-alloggi e servizi comuni (camper service, bar, sala ristoro, campi da tennis e calcetto, etc.) e ciascuno con circa 50 posti letto. 

L’area costituita dalle strutture e pertinenze, con la presenza di immobili in buono stato manutentivo, è risultata per l’appunto essere il luogo ideale per realizzare un “Centro di Prima Accoglienza della Fauna Selvatica della Provincia di Foggia”, direttamente connesso con la gestione della fauna con particolare riferimento a specie di importanza conservazionistica e venatoria.

Gli obiettivi e le attività del Centro, che si impegna ad espletare in nome e per conto della Regione Puglia, sono:

a) Accoglienza di tutti gli esemplari di fauna selvatica omeoterma (uccelli, mammiferi) rinvenuti feriti o in difficoltà;

b) Comunicazioni e confronto con il Centro regionale di recupero della fauna selvatica in difficoltà di Bitetto (Ba);

c) Comunicazioni e attività amministrative correlate all’accoglienza e alla cura degli animali selvatici;

d) Pronto soccorso veterinario;

e) Trasferimento al Centro Recupero Regionale della fauna selvatica in difficoltà degli esemplari che necessitano di successive e particolari cure e riabilitazione;

f) Liberazione degli esemplari recuperati, previo inanellamento, in accordo e coordinamento con la struttura Regionale;

g) Gestione di una banca dati relativa all’accoglimento della fauna in difficoltà.

h) Mantenimento e cura degli esemplari accolti fino alla loro liberazione o all’ eventuale trasferimento al Centro Recupero Regionale;

i) Incenerimento delle spoglie degli esemplari giunti morti o deceduti presso il centro o trasferimento delle spoglie di esemplari di specie di notevole interesse scientifico e naturalistico a strutture idonee alla loro accoglienza;

j) Eventuale supporto alla Regione nella predisposizione di misure atte all’attuazione del Reg. (UE) n. 1143/2014 e del D.Lvo n. 230/2017 inerente disposizioni volte a prevenire e gestire l’introduzione e la diffusione di specie esotiche invasive;

k) Relazione attività svolta dal Centro con cadenza annuale;

l) Realizzazione, in accordo e collaborazione con l’Osservatorio Faunistico Regionale, di studi, ricerche e monitoraggi delle specie appartenenti alla fauna omeoterma.

Per garantire il raggiungimento degli obiettivi sono previste:

• attività manutentive e di adeguamento delle strutture alle necessità specifiche del centro;

• realizzazione strutture mobili e fisse (voliere, recinti, etc.) finalizzate al mantenimento, cura e riabilitazione degli esemplari di fauna selvatica;

• acquisto attrezzature, materiali, alimentazione, farmaci, etc. per la gestione attiva;

• gestione delle attività di cura, riabilitazione, rilascio degli esemplari di fauna attraverso l’utilizzo di operatori specializzati con precedenti e comprovate esperienze (operatori per la cura, faunista, medico veterinario, etc.).

Considerato che, attualmente, nell’intero territorio Provinciale non risultano operativi centri di prima accoglienza per la fauna, l’attivazione del centro potrà assolvere, in linea generale, alla gestione di esemplari provenienti dall’intero territorio della Capitanata (estesa per una superficie di circa 696.000 Ha pari a 696 Kmq).

Inutile dire quanto tutto questo possa fare solo del bene al nostro territorio considerando anche che sarà istituita sul posto una “Scuola di formazione sulla flora e sulla fauna” (la seconda in Italia, la prima al Sud); ci saranno attività di formazione didattica per le scuole e per tutti i gradi di istruzione; formazione di dirigenti Regionali; il tutto porterebbe oltre che lustro anche gente a Roseto mettendo cosı̀ in moto la macchina del turismo.

Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Gelsomino Ceramiche
Casa di Cura San Michele

Comunicato Stampa

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ilsipontino.netPer segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati