Spettacolo Italia

Vincenzo de Michele in Lolita Lobosco su Rai 1 canta una canzone tipica manfredoniana

Il noto attore di Manfredonia Vincenzo de Michele, impegnato nella serie Rai “Le indagini di Lolita Lobosco” ha riservato una grande sorpresa alla sua città, Manfredonia.

Nell’ultima puntata andata in onda lo scorso lunedì 18 Marzo l’attore Made in Manfredonia ha infatti in una scena cantato una canzone tipica di Manfredonia.

Nella scena si vede Vincenzo intrattenere insieme a dei colleghi del comando della, dei bambini con una canzone. Vincenzo De Michele canta quella canzone perché alunno del maestro Ognissanti che gliela cantava a scuola. La canzone che canta l’attore su Rai 1 è un pezzo estratto dallo spettacolo in vernacolo “U Suttene” scritto dal Prof Ognissanti e poi riproposto anche nello spettacolo “Storie e Patorie”, il brano si intitola “Mattoje u figghje ije” ed è parte della canzone conclusiva dello spettacolo portato in scena per la prima volta negli anni settanta al Cine Teatro San Michele.

Il testo della canzone:

“Mattoje u figghje mije

All’Americhe non cj’ada je

se tu ù fatije

‘Meriche ji là e Mèriche ji qua.

A mamme cchjù fetente

li prepere la balige,

u petre pe lu trumbone

L’accumpagne alla stazione.

E ton la freve u cioccie, e te la freve u cioccie

na vot ca si, na vot ca no,

e ton la freve u cioccie”

Questo estratto di canzone fa parte di una “filastrocca” molto più lunga e conosciuta. Lo spettacolo “U suttene” prima e “Storie e Patorie” poi hanno raccontato in musica le vicende e le storie di “basce u culicchje” ed è una pietra miliare dello spettacolo manfredoniano, nonchè uno dei pochi contenitori di musiche popolari di Manfredonia.

Il video (dal profilo facebook di Antonio Pizzigallo):

Promo UnipolSai ilSipontino.net
Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati