Viaggi

Speciale Viaggi, i consigli de “IlSipontino”: Maratea

Con i suoi 30 chilometri di costa, è l’unico affaccio della regione sul mar Tirreno. Ma il golfo di Policastro è un vero gioiello, poco conosciuto e low cost: acque cristalline, insenature selvagge e panorami da film (a far scoprire questo remoto angolo d’Italia contribuì, anni fa, Basilicata coast to coast di Rocco Papaleo). Non solo spiagge (imperdibili quella del Macarro e di Cala Jannita), però: Maratea vanta anche 44 chiese e una statua del Redentore alta più di 20 metri, seconda solo a quella di Rio de Janeiro.

Nacque come centro fortificato e munito di mura, arroccato su di un fianco del Monte San Biagio, in posizione protetta rispetto alle ripetute e temute scorrerie saracene.

Il litorale è di una bellezza struggente: i monti lucani precipitano a picco nel mare con chiare e strapiombanti pareti calcaree, interrotte da spiagge bianche o ciottolose e da grotte o da scogli.

Maratea si compone sulla costa di alcune frazioni molto originali: Acquafredda, Cersuta, Fiumicello-Santa Vènere, Porto, Marina di Maratea e Castrocucco.

Invece verso il Monte San Biagio abbiamo le frazioni di Massa, Brèfaro e Santa Caterina ,Curzo e Campo. Infine a alle pendici del monte San Biagio è situata Maratea Centro, con case molto raggruppate e pianta irregolare.

Maratea rappresenta uno dei più importanti centri turistici della regione, sulla costa del Tirreno. Ad oggi Maratea conserva ancora la sua origine medievale, con case antiche ornate di logge e vicoli strettissimi.

La vegetazione incolta e l’acqua blu della bellissima costa di Maratea, con gli scogli proiettati sul mare, ed un tramonto dai colori stupefacenti.

Se si arriva a Maratea dal nord, il primo assaggio di costa è già un luogo speciale, così diverso dal susseguirsi delle vicine località a strapiombo sul mare, e ugualmente diverso da ciò che seguirà.

Qui il paesaggio si trasforma, la roccia lascia spazio a un’ampia distesa di finissima sabbia che scivola nel mare.

Da questa simbiosi nasce una formula incantevole: il mare blu, la spiaggia con accoglienti stabilimenti balneari, il lungomare e subito dopo la pineta, e via a salire incontrando la città elegante Maratea, situata ai piedi del protettivo e maestoso Monte San Biagio.

E’ bello vivere in questa terra alternando le nuotate con escursioni sulle colline e le montagne da dove si può scorgere un panorama straordinario gustando la tipica cucina del posto.

Come arrivarci: tramite A3/E45 in circa 3 ore e mezza.

Foto



 

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button