Slow Food Gargano celebra il cibo locale

Dieci chef, venti mani, un unico obiettivo: sostenere la campagna di sensibilizzazione contro i cambiamenti climatici.

In occasione di Terra Madre Day, laSlow Food Garganolunedì 10 Dicembre 2018, a partire dalle ore 19,00, celebra e festeggia il cibo locale presso l’Agriturismo Tenuta Chianchito.

Durante l’evento i 10chef di ristoranti e osterie del territorio presenteranno e adotteranno un Menù for Change, vale a dire un menù degustazione comune denominatoMenù Slow Food Gargano che cambierà ad ogni stagione eche ha come obiettivo la valorizzazione di materie prime del territorio e dipiatti identitari che verrannoproposti durante l’anno. Un modo questo per far comprendere, attraverso il piacere della tavola, il ruolo del consumatorenei processi di sviluppo delle economie locali, tra le più colpite dalle conseguenze dei cambiamenti climatici, ma al contempo le uniche capaci di fronteggiare gli effetti del riscaldamento globale.

La campagnainternazionale di sensibilizzazione Food for Change si concentra proprio sulla relazione tra cibo e cambiamento climatico e coinvolge tutte le condotte Slow Food Italia e Slow Food International.

La manifestazionecoinvolge, oltre agli chef che firmeranno il protocollo e prepareranno la cena celebrativa, anche e soprattutto agricoltori, produttori, allevatori e trasformatoridi materie prime alimentari del territorio.

All’iniziativa saranno presenti con i loro prodotti gli agricoltori, i produttori e gli allevatori deiPRESIDI Slow Food del Gargano: il Presidio della CAPRA GARGANICA,il Presidio del CACIOCAVALLO PODOLICO, il Presidio della VACCA PODOLICA,il Presidiodella FAVA DI CARPINO, il Presidiodegli AGRUMI DEL GARGANO.

Un parterre vasto, che porta avanti un’idea precisa di qualità, il cui tratto comune è la condivisionedi una visione della produzione alimentare radicata nelle economie locali rispettosa dell’ambiente, delle conoscenze tradizionali, della biodiversità e del gusto, attraverso un sistema alternativo di produzione e quindi del consumo di cibo.

L’evento è il primo passo, un progetto pilota che sarà replicato in altri territori e rappresenta un modello virtuoso di sostenibilità di cui tutte condotte Slow Food della provincia di Foggia e dell’intera Puglia si fanno promotrici.

Slow Food Gargano




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*