Attualità CapitanataCronaca Capitanata

Alessia, donna transgender di Bari, ha incontrato Papa Francesco. “Ci siamo sentite accolte”

Domenico La Marca
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Centro Commerciale Gargano
Maria Teresa Valente
Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche

Papa Francesco, per molti, ha segnato alcune piccole rivoluzioni nella Chiesa. Rivoluzioni simboliche, certamente, ma importanti. Una, sicuramente, riguarda il dialogo con il mondo LGBT+. Qualche settimana fa, rispondendo a un sacerdote che raccontava al Pontefice di un ragazzo gay allontanato dalla Chiesa, Francesco scriveva: “Vorrei che lo riconoscessero non come il rifiuto della Chiesa, ma invece di persone nella Chiesa. La Chiesa è madre e chiama insieme tutti i suoi figli. Prendiamo ad esempio la parabola degli invitati alla festa: i giusti, i peccatori, i ricchi e i poveri, etc. Una chiesa selettiva, di puro sangue, non è la Santa Madre Chiesa, ma piuttosto una setta”. 

Francesco, dunque, che già aveva detto “chi sono io per giudicare?”, ha risposto così ad un caso di allontanamento dalla Chiesa per una persona Lgbt+. Il Papa, però, continuando a svolgere un’azione simbolica questa settimana ha incontrato in Vaticano una parte del mondo LGBT+. 

La giornata, organizzata da Suor Genevier, una religiosa che vive in un luna park e si occupa degli ultimi, si è svolta mercoledì. La Suora ha proposto l’incontro al Papa e così è avvenuto questo momento importante. “Ci siamo radunate al Vaticano insieme alla suora e a un sacerdote, che fa parte del Gruppo Cristiani Lgbt+ Nazionale TRANSizioni”, ha spiegato a FanPage Alessia Nobile, donna transgender di Bari. 

L’incontro, ancora più simbolico se si pensa che giugno è il mese del pride, per Alessia e tante altre persone è stato emozionante. “È stato emozionate, ci siamo sentite accolte. Non ha voluto che mi inginocchiassi, mi ha stretto la mano e quando mi sono presentata come una ragazza transgender mi ha risposto che non gli importava chi fossi, che abbiamo un unico Padre, come se volessi dirmi sei una sorella”. 

Alessia ha pubblicato un libro: “La bambina invisibile”, edito da Castelvecchi. In quel libro Alessia ha raccontato la sua storia, la sua infanzia, la voglia di diventare una bambina, di non sentire suo il corpo maschile, e poi del suo percorso di rinascita, fra sofferenze, dolori e desideri. Il suo percorso è stato segnato dall’incontro con Don Andrea Gallo, prete degli ultimi di Genova. Alessia, in questa occasione, ha consegnato il suo libro a Papa Francesco. 

“Il Papa ci ha ricevute singolarmente ed io sono stata la prima. Portargli il mio libro è stato un sogno che si è avverato”. Lo ha preso e mi ha detto, brava hai fatto bene a scrivere la tua storia. Poi mi ha raccomandando di essere sempre me stessa, ma di non farmi avvolgere dal pregiudizio nei confronti della Chiesa”, le parole di Alessia a Fan Page.

Casa di Cura San Michele
Centro Commerciale Gargano
Maria Teresa Valente
Domenico La Marca
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche

Articoli correlati