Storia

E il febbraio del 1686 San Lorenzo volò via dalla cima del campanile

(di Maria Teresa Valente )

C’è vento oggi a Manfredonia. Nulla di particolarmente strano, se non fosse che da secoli fortissime raffiche di vento mettono spesso a dura prova la nostra città il 7 febbraio o quelli immediatamente precedenti o successivi al santo patrono sipontino.

Nel 2020, ad esempio, il 5 febbraio la furia del vento danneggiò ben 200 alberi, fece cadere pali della luce, ringhiere dalle terrazze, calcinacci da palazzi ed edifici scolastici ed addirittura sulla circonvallazione, nei pressi dell’uscita Manfredonia Nord, fece capovolgere un tir.

Ma se andiamo più indietro nel tempo, scopriamo che un’incredibile tempesta di vento fece addirittura volare (e sparire) una possente e maestosa statua equestre dedicata a San Lorenzo Maiorano. A quanto pare, infatti, nel Seicento vi era una gigantesca statua di San Lorenzo a cavallo in cima al campanile, così come sembra testimoniare una foto scattata da Bruno Mondelli col suo drone.

L’imponente monumento era stato voluto dall’Arcivescovo Vincenzo Maria Orsini (divenuto poi papa con il nome di Benedetto XIII), che nel 1677 fece erigere il campanile di Manfredonia. E proprio lì in cima decise di rendere omaggio al decimo Arcivescovo di Manfredonia con un’enorme statua che lo ritraeva su un cavallo, proprio come nello stemma della città. In pratica, potremmo immaginare il monumento ormai scomparso come una copia (per grandezza e fattezze) del re Manfredi a cavallo eretto nel 2015 tra il castello e la spiaggia libera.

Secondo lo storico sipontino dei primi del Novecento, Luigi Pascale, un ciclone colpì la città il 7 febbraio 1686, giorno di San Lorenzo, con una violenza tale che sradicò la statua dalla cima del campanile. Quel giorno vento, grandine e pioggia fecero in città tantissimi e gravi danni e poiché negli anni successivi si verificarono nel mese di febbraio altri eventi atmosferici catastrofici, per molto tempo i manfredoniani attesero con ansia e paura questo mese, temendo l’arrivo della ‘tempesta di San Lorenzo’.

Sfogliando la storia di Manfredonia si fanno spesso scoperte inedite e curiose. E se il vento di oggi vi sembra forte, immaginate un po’ quando in quel lontano 7 febbraio di oltre 300 anni fa i sipontini videro volare San Lorenzo…

Maria Teresa Valente

Maria Teresa Valente

Giornalista pubblicista dal 2000 ed impiegata, esercita anche l’attività di mamma full time di due splendidi e vivacissimi bambini: Vanessa e Domenico. È nata e cresciuta a Manfredonia (FG), sulle rive dell’omonimo Golfo, nelle cui acque intinge quotidianamente la sua penna ed i suoi pensieri. Collabora con diverse testate ed ha diretto vari giornali di Capitanata, tra cui, per 10 anni, Manfredonia.net, il primo quotidiano on line del nord della Puglia. Laureata in Lettere Moderne con una tesi sull’immigrazione, ha conseguito un master in Comunicazione Politica ed è appassionata di storia. Per nove anni è stata responsabile dell’Ufficio di Gabinetto del Sindaco di Manfredonia. Ancora indecisa se un giorno vorrebbe rinascere nei panni di Oriana Fallaci o in quelli di Monica Bellucci, nel frattempo indossa con piacere i suoi comodissimi jeans, sorseggiando caffè nero bollente davanti alla tastiera, mentre scrive accompagnata dalla favolosa musica degli anni ‘70 e ‘80.

Articoli correlati

Back to top button