“Un’Impresa per A.M.I.C.A.” da oggi è finalmente realtà

“Un’Impresa per A.M.I.C.A.” da oggi è finalmente realtà. Con la firma del protocollo d’intesa avvenuta questa mattina a Bari alla presenza di Michele Emiliano (Presidente della Regione Puglia), Agostino De Paolis (Dirigente regionale della Sezione Sicurezza del cittadino e Antimafia sociale), Roberto Venneri (Segretario generale della Giunta regionale) e Antonio Decaro (Sindaco del Comune di Bari e Presidente Anci), il progetto risultato aggiudicatario del bando (settimo in graduatoria su ventisette finanziati) “Cantieri innovativi di antimafia sociale: educazione alla cittadinanza e miglioramento del tessuto urbano” può muovere finalmente i suoi passi concreti.

Nato e curato nella progettualità dal team “Coworking SmarLab”, “Un’impresa per A.M.I.C.A.” è stato presentato dall’ATS “Daunia è Puglia” costituita da ARCI Circolo “Travel” StornaraComune di ManfredoniaENAC PUGLIA e Associazione Angeli ed avrà come fulcro delle proprie attività “Villa Rossana” a Siponto, immobile sequestrato alla malavita e messo a disposizione dall’Amministrazione comunale di Manfredonia per potenziare l’educazione alla cittadinanza attiva ed il rafforzamento dell’antimafia sociale, la conoscenza del territorio/tessuti/contesti urbani e valorizzazione del patrimonio artistico e culturale attraverso l’utilizzo di nuovi media e modalità innovative.

Nel progetto, che sarà presentato pubblicamente nei dettagli nei prossimi giorni, sono coinvolti in totale una quarantina di soggetti tra Enti ed Associazioni del territorio come, ad esempio, i Comuni di Mattinata, Zapponeta, Foggia, Stornara, Stornarella, Orta Nova.

“Un’impresa per A.M.I.C.A.”, oltre alle specifiche attività indirizzate a trenta ragazzi con particolari disagi sociali, vedrà il coinvolgimento di tutto locale tessuto socio-economico al fine di diffondere iniziative di sensibilizzazione e di educazione all’antimafia sociale, con la partecipazione attiva ad azioni per la rigenerazione sociale e urbana e la generazione di capitale sociale e di tempo per il lavoro comunitario in un contesto urbano a forte rischio di degrado sociale urbano, come quello di “Villa Rosa”, ponendo l’accento su temi fondamentali quali la legalità e lo sviluppo sostenibile di tutto il territorio. Efficaci ed all’avanguardia strumenti sia per la lotta alla criminalità che per l’accrescimento del senso civico di ciascun cittadino.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*