GiovaniScuola

Pass Laureati 2022. Le domande fino al 30 maggio.

In continuità con le precedenti edizioni, l’Avviso pubblico n. 1/FSE/2022 – Pass Laureati 2022 sostiene l’innalzamento dei livelli di competenze, di partecipazione e di successo formativo nell’istruzione universitaria o equivalente. A differenza, tuttavia, degli scorsi avvisi, Regione Puglia sostiene così i laureati pugliesi, senza più limiti di età e con ISEE fino a € 35.000,00, che vogliono frequentare un Master post-lauream in Italia o all’estero, finanziandolo con voucher formativi che favoriscono l’accrescimento di competenze ed abilità professionali.
Obiettivo dell’intervento resta l’acquisizione da parte dei partecipanti di un lavoro, anche autonomo, entro sei mesi dalla fine del percorso.

Cosa finanzia

Regione Puglia riconosce un voucher formativo a rimborso della spesa di iscrizione al Master, definita “Quota di iscrizione”, da rendicontare a costo reale producendo la relativa documentazione giustificativa (bonifici di pagamento e fatture); in aggiunta, a copertura dei costi definiti “Accessori” (per spese di viaggio, vitto e alloggio), assegna l’ulteriore sovvenzione determinata sulla base di opzioni di semplificazione dei costi e secondo i massimali dettagliatamente indicati nelle Tabelle 1, 2 e 3 dell’Avviso (non soggetta a rendicontazione).
Per i percorsi formativi svolti in Paesi non UE comunque non ricompresi nella Tabella 3, verrà corrisposta la sovvenzione più elevata ivi prevista (Norvegia), da rendicontare a costo reale producendo la relativa documentazione giustificativa (bonifici di pagamento e fatture).
I Master finanziabili sono quelli erogati dalle Università italiane e straniere e dalle istituzioni AFAM, pubbliche e private, riconosciute dall’ordinamento nazionale; i Master accreditati ASFOR o EQUIS o AACSB o riconosciuti da Association of MBAS (AMBA) ed anche quelli erogati da Istituti di Formazione Avanzata, sia privati che pubblici, in possesso di esperienza documentabile decennale nell’erogazione di Master post-lauream.

  • Per quanto concerne la “Quota di iscrizione” sarà riconosciuto:
    • per i percorsi formativi svolti sul territorio nazionale (ivi compresi i territori di San Marino e Città del Vaticano), il costo reale sino ad una concorrenza massima di € 7.500,00;
    • per i percorsi formativi svolti all’estero, il costo reale sino ad una concorrenza massima di € 10.000,00.
  • Relativamente ai costi “Accessori” (a copertura delle spese di viaggio, vitto e alloggio) la Sezione Formazione si è avvalsa del supporto fornito da ARTI per l’individuazione di una Opzione di Semplificazione dei Costi (O.S.C.) adeguata alle caratteristiche dell’Avviso, partendo da costi già disponibili si sensi del Reg. (UE) n.697/2019 e tenuto conto dell’art. 67 del Reg. (UE) n. 1303/2013 (così come novellato dal Reg. (UE-EURATOM) n. 2018/1046), nonché dell’art. 14 (comma 1) del Reg. FSE.
    A seguito di un’attenta disamina delle opzioni disponibili nel Regolamento, è stata individuata e quantificata una “sovvenzione” a copertura delle spese per viaggio, vitto e alloggio interregionali e transnazionali. Le indennità interregionali sono differenziate a seconda della regione in cui si svolge la formazione (destinazione) e della regione di origine del destinatario, mentre le indennità transnazionali sulla base del Paese di destinazione.

Tutti i dettagli su : https://www.sistema.puglia.it/SistemaPuglia/passlaureati2022

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button