AttualitàStoria

La famiglia Castriotta e Iacoviello, e il ricordo della Santa Pasqua e Pasquetta

Manfredonia – RICORDO l’usanza nei pomeriggi ,della Settimana Santa, quando si preparavano i dolci Pasquali – con amore , passione e commozione . Quanta farina sop u tavulir – parola derivante dal nostro Tavoliere delle Puglie , perché spianato a pianura.

Si impastava tanta farina, con uova e zucchero, che inebriava la casa di tanti odori. I dolci tipici erano: taralli con le uova con tagli circolari, taralli con la glassa bianca, taralli con il vino, i scavtatille, i famosi taralli pu lov, dalla forma circolare con un taglio intorno. Ma il vero simbolo era il dolce della tradizione che riportava l’antica storia – di una lontana generazione: la famosa Scariella, grande tarallo; spalmata di glassa leggera e pallini argentati zuccherosi,il cosiddetto ungeleppete di bianco poi di confettini colorati.

Ricordo che, per far cuocere i dolci, ci toccava andare al forno della” Stazione Campagna” – al forno Pane e Pizza del proprietario Michele Castriotta. Io insieme ai miei fratelli facevamo tragitti dal Villaggio Sant’Andrea – al forno ,con delle tegole sotto il braccio – e le speciali tradizionali i gross ramore…che il signor Michele ci prestava, con la sua generosità – i stagnole che piaciore e gioiu ciu dove.

Eravamo sereni e mi sentivo protetto, con i miei fratelli, grazie a quel caloroso affetto. Dopo tutto quell’andirivieni ; dal forno del sig.Castriotta.  A casa ero commosso ed emozionato… per la festa in arrivo… ovviamente pensando alla domenica di Pasqua e Pasquetta -come il più grande simbolo della liberazione del cuore e dell’anima. Nella ricevuta in regalo mostra foto in trequarti – come la Famiglia Castriotta, proprietario del forno…alla destra il fornaio Michele , in alto la nota Maria a comunist, quando la parola politica era dignità…lei , sorella di Michele era una commerciante di alimentari , sito angolo Corso Manfredi e Via Campanile, poi altri parenti Iacoviello, seduto a terra, si nota il figlio di Maria – il piccolo Silvestro e sua sorella piu su verso destra. Questo stava a dimostrare l’unita della Santa ricorrenza, tenera speranza per risaltare la vita eterna ,come questa immagine quella straordinaria vissuta – tra sacrificio e speranza .

 di Claudio Castriotta  

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati

Back to top button
Close