Attualità Capitanata

“Dai ricordi di ieri: la pasta delle pettole nei giorni di dicembre”

Manfredonia A PASTE di Pettole tu fe vnie u core cuntente.

A jiere sore ,dopo aver lavorato la pasta di pettole insieme ai miei familiari . L’abbiamo coperta con un panno il recipiente … messo a riposare tutta la notte – stamattina con sorpresa il contenitore era traboccante. Ad un certo punto nella mente mi è ritornata nella memoria… la storia di quel Villaggio sul mare turbolento del dicembre.

Gli anziani di quegli anni quando ero ragazzo – dicevano che quando la pasta traboccava ; era sintomo di grazia – si diceva che i parenti defunti ,venivano a far visita nella notte … il cosiddetto “l’Anume u Priatorje”– a dare la loro benedizione e forma di augurio , far sentire che c’era sempre un forte collegamento, tra noi e loro… le distanze erano e sono assai vicine.

Da lasciarci il cuore sereno ,nel mattino che profumava il suo fritto di speranza.

Articolo di Claudio Castriotta ❤️

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati

Back to top button