Social

WhatsApp, occhio alla truffa del codice a 6 cifre e come recuperare il proprio account

“Ciao, ti ho inviato un codice per sbaglio, potresti rimandarmelo?”. Se vi arriva questo messaggio è molto probabile che qualcuno stia cercando di rubare il vostro account di WhatsApp. Non rispondete, anche se il mittente è un contatto della vostra rubrica: quello che vi sta chiedendo è il codice univoco a sei cifre che gli darà le chiavi del vostro account; quello, per intenderci, che usereste per portare WhatsApp su un nuovo smartphone.

Negli ultimi giorni infatti è tornata alla ribalta la truffa del codice a sei cifre su WhatsApp, che consente ai malintenzionati che lo mettono in atto di rubare i profili delle vittime ignare innescando un processo a catena.

L’unico modo di non caderci è, appunto, non rispondere a chi vi chiede il codice.

Come tornare in possesso del profilo?

Nel caso l’account vi sia stato sottratto, la prima opzione è cercare di recuperare il controllo del profilo facendo mandare a WhatsApp un nuovo codice SMS al vostro smartphone: per farlo, basta riprovare l’accesso al proprio account WhatsApp.

Se questo non funzionasse, si può ricorrere alla disattivazione dell’account, seguendo le istruzioni fornite dall’app di messaggistica a questo link. Basta inviare una mail all’indirizzo support@whatsapp.com, e il corpo del testo dev’essere questo, seguito dal proprio numero di telefono nel formato internazionale completo:

Perso/rubato: Disattivazione del mio account +39 (inserire qui il proprio numero di telefono)

Nel giro di pochi minuti l’account verrà disattivato e quindi sarà possibile effettuare di nuovo la procedura di accesso ricevendo l’SMS di verifica col codice a 6 cifre sul proprio smartphone. In generale, si può sempre denunciare il prima possibile alla Polizia postale e avvisare i propri contatti rompendo così la catena malevola.

Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net