fbpx
Medicina

Sindrome di Down: operativo presso l’Ospedale di Manfredonia il Servizio di Screening delle Cromosomopatie

La ASL Foggia ha attivato, all’interno del “Dipartimento Territorio Ospedale della Maternità e dell’Infanzia” il Servizio di Screening delle Cromosomopatie.

Il nuovo Servizio ha sede presso il Presidio Ospedaliero “San Camillo De Lellis” di Manfredonia ed è garantito dai medici del Servizio di “Ostetricia e Ginecologia”, in collaborazione con il Laboratorio di Patologia Clinica.

Lo screening delle Cromosomopatie, parte integrante della Medicina Prenatale, serve a selezionare le situazioni da sottoporre ad un approfondimento diagnostico per l’individuazione di gravidanze portatrici di Sindrome di Down o altre patologie cromosomiche.

Si rivolge a tutte le donne in gravidanza, indipendentemente dall’età e dalla presenza o meno di fattori di rischio.

La procedura combina dati fetali (translucenza nucale fetale), dati materni (età e peso materno) e alcuni ormoni presenti nel sangue materno in gravidanza.

Il test consente di individuare il 90% delle gravidanze portatrici di cromosomopatie con un margine di falsi positivi del 6%.

L’esame di screening viene eseguito tra la undicesima e la tredicesima settimana di gravidanza: prevede un prelievo ematico per free beta hcg e papp-A a cui si associa una ecografia del primo trimestre con valutazione dell’esatta datazione della gravidanza, esame della vitalità fetale e misurazione della translucenza nucale.

Dall’analisi combinata dell’esame ematico e del test ecografico emerge il valore del rischio di cromosomopatie fetali.

Per informazioni e prenotazioni è possibile contattare gli operatori della ASL al seguente numero telefonico: 0884.510260, operativo dal lunedì al venerdì, dalle ore 12.00 alle ore 13,30 e il martedì e il giovedì, dalle ore 15.00 alle 16.00.

Comunicato Stampa

Il presente comunicato è stato redatto dall'ufficio stampa del soggetto dell'articolo. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button