Libri

Schiavi d’Italia, il nuovo libro di Luca Maria Pernice

Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Centro Commerciale Gargano
Casa di Cura San Michele

Schiavi d’Italia, il nuovo libro di Luca Maria Pernice

SCHIAVI D’ITALIA
Caporalato, diritti negati e speranze in uno dei ghetti più grandi d’Europa
di Luca Maria Pernice – prefazione di don Luigi Ciotti
pp. 96 – euro 12,00


Un reportage sul ghetto pugliese di Borgo Mezzanone, tra Foggia e Manfredonia, in cui vivono circa duemila braccianti, soprattutto nordafricani.


“Diciamolo chiaramente: situazioni come quelle descritte in questo libro sono possibili perché, a più di settantacinque anni dalla Dichiarazione universale dei diritti umani, ci sono ancora vite che valgono meno di altre. Ci sono ancora persone considerate meno umane di noi. Q uesto si chiama razzismo, un male che ci illudevamo di esserci lasciati alle spalle dopo i drammi del colonialismo, dello schiavismo e della Shoah,
e che invece tuttora serpeggia nella nostra società, determinando comportamenti individuali e anche scelte politiche indegni di un Paese civile”.

È come sempre limpido, netto, inequivocabile nelle sue parole don Luigi Ciotti, che firma la prefazione
del nuovo libro del giornalista e scrittore Luca Maria Pernice. Foggiano, Pernice da sempre richiama
l’attenzione – sia attraverso il suo lavoro sia attraverso la sua attività di volontariato – su eventi o
fenomeni problematici del territorio in cui vive, convinto che solo attraverso la conoscenza e la cultura
sia possibile costruire una società più giusta e responsabile. Allo stesso modo cerca di valorizzare le
cose belle e positive che ci sono: anche se a volte possono sembrare piccole e irrilevanti, hanno la
capacità di vincere la rassegnazione e stimolare il cambiamento.


L’Autore è entrato nel ghetto pugliese di Borgo Mezzanone, tra Foggia e Manfredonia, in cui vivono circa
duemila braccianti, soprattutto nordafricani. In questo luogo off limits, ha visto le disastrose condizioni di
vita nella baraccopoli e ha parlato con alcuni migranti. Tante le storie che si sono incrociate, tanti i
racconti e i ricordi: i Paesi di origine, la disumana povertà e le guerre; il duro lavoro nei campi, spesso
fatto di dodici ore al giorno, per pochi euro l’ora; i molti sogni infranti. Sono storie di donne e uomini,
schiavi del X X I secolo, vittime del traffico di esseri umani, di meccanismi di oppressione ed
emarginazione, del sistema del caporalato che calpesta i loro diritti.


Ma in queste pagine non c’è solo dolore. C’è anche la loro speranza di libertà: liberi dallo sfruttamento,
liberi di vivere con dignità. Una speranza che può avanzare anche grazie al contributo della società civile
e alla presa di coscienza di ogni singolo cittadino.


“Sono grato a Luca Pernice – scrive sempre don Luigi Ciotti nella prefazione – per questo racconto così
puntuale e sofferto. Perché prendendoci per mano ci accompagna là dove non avremmo mai voluto
entrare, ci mette in dialogo con coloro che pensavamo di non poter mai ascoltare. E ci restituisce gli
uomini, le donne che abitano nel ghetto di Borgo Mezzanone, intatti nella loro umanità, più che mai credibili nella loro richiesta di dignità e diritti”.

Centro Commerciale Gargano
Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati