Libri

Purgatorio, Canto XV in dialetto sipontino

La Divina Commedia in Dialetto Sipontino

A cura del Prof. Pasquale Ognissanti (Archivio Storico Sipontino – Manfredonia)

Purgatorio

Canto XV

Quand’ji tra lla fine de ll’oratèrze

e mbrencipj’adije ch’èsse d’a sfere

ca sèmbecum’elluuagnoneschèrze,

ca tandecj’appareveggjàlla sere

    d’u sole llu corse suvejirumése,

vèsprellà, e qua mèzzanottembere.

Ce cugghjévene i ragge a mizz’unése,

pecché pe nujejeveggeréte u monde

ca ggjàdritte ce n’jèmmepell’occhése;

quanne me sendì nu pisemembronde

p’alucèndèzzeasséjecchjù ca prime

    e stupeditejevep’i cose ca ne ngonde:   

lliméne allore javezénguart’a cime

de ll’ucchjemije e me fece u sullècchje

ca da llu troppe vedi fèll’allime.

Cum’equanne da ll’acque o da lluspècchje

zombelluraggeproprje a ll’atu quarte

jind’astu modeanghjananneparècchje

a quèdde c’ascènne, e tande ce sparte

d’u cadì d’a prete a llustèsse tratte,

cumece  demostrespèrjènze e jarte;

cchessì me so’ viste luce refratte

denanze a llà ca mm’ò fatte lla scosse

      c’a cchjudella viste è fatte lluscatte. 

“Ch’jicudde,Pédre dolce, ca me ndrosse

paré lla facce tande, ca mm’accaglje,”   

è ditte, “ pére c’a  nujejilla  mosse?”

   “Nfémaraviglje, s’angore t’abbaglje

llafamigghje d’u cile”, mm’òndose:

    “mèsse ji c’a nvitell’ome a llusaglje.(30)

Subbetesarrà c’a vedì sti cose

ne nd’uàpesé, ma t’uà féllubbellitte

quand’a nature a ssènde t’ò rembose.”

     Po’ rrevamm’all’Angelebbeneditte,

    c’a vocjadolcj’ ò ditte, “qquàlluquinge,

naschéle passe ca ll’ate so’ dritte.”

Cj’anghjaneve, ggjàlundéne a bbèlinge

e,  “ Beati misericordes”, fuje

candéteaddrete, e “Gude tu ca vinge”.

Llu mastre e ije sule tutt’e duje,

susejèmme, e penzevescuscejanne,

bbun’acquistefè d’i parole suje:

e geran’ajisse, a féllidumanne:

“Che vulì dice u spirte de Romagne

 e vietéte e conzortearrecurdanne?!

    Ch’jisse a mmè: “d’i grosse sove magagne

canosce u danne, però ne ngj’ammire

    ce ne pènde, pecché mene ce lagne.

Pecché ce mbondene  ivustre desire,

addu p’ a cumbagnijembartestreme

ammidjemove u mandice a suspire.

     Ma se ll’amore d’u circhje supreme

turcèssesope u desedèrjevustre,

     ne nvesarrijembittequèdda teme.

Ca pe quande ce dice  cchjùllinustre

tandecchjùbbene ce pussedeagnune

e tande de caretàjarde u nghjustre.”

      “Songhecchjùcundènde a jèssedescjune”

       è ditte, “ca mbrimeavèssecittite

       e cchjù de nu dubbjemmèndemm’adune.(60)

Cumepot’èsse ca cose spartite   un bene

a cchjùpersune ce llifécchjù ricche     

d’ jisse, ca se po’ da poche jitenite?”

e jisse a mmè:” ca pecché tu reficche

llammènde pure nd’i cose terrene

      de luce llu vere d’u scure sficche.

Cuddenfinite e affabbelebbene

ca stésope, corre cchessìp’amore

cum’uragge a curpellucede  vene. 

Tande ce déquandetrove d’ardore:

     sì ca quandunghecaretà ce stènne,

crèscesop’ajèsseètèrne valore.

E quandaggèndecchjùsope ce ndènne,

cchjùsté d’amèllubbene e de cchjùcj’éme,

cum’uspècchje c’un’a ll’atell’arrènne.

    E se sturagjunamèndendesféme

ddavedìVejatrice, e jèsse a mmènde

   t’uà luvèquèste e agnun’atabbréme.

Pigghje pure, ca lèstecj’ànnearrènde,

cume so’ llideje, llicinghechjéje,

ca ce chjudene pe jèssedulènde.”

Cumevuleve dice: “Tu me péje.”   

    Me so’ viste stésop’ategerone

   ca cittì mm’ànne fatte i lucespéje.   

Llàmm’ji parse vedìndanavesjone

profonde, ca subbete a jèsse attratte,

e vedìndanachjisecchjù persone,

   e nacarnéle a ll’èndrétecummatte

  de mamme dolce, dice: “Figghjemije,

pecchésènzanujeacchessìll’àfatte?(90)

Ecchedulènde, patet’atuje e ije

t’jèmmecercanne.” E cum’eqquàce stracque,

quèdde, ca prime steve, scumbarije.

     Po’ mm’ji apparse nn’ate pe quidd’acque,

jusep’iguange, c’u delorei stille

quannegrussedespittend’ateajasque;

e dice: “ Se tu sì rè de lla ville.

c’u nome p’idije ce fecj’a lite

e d’addic’ ognescènze ce sfascille.

vendichijite de cuddevrazze ardite

   c’ò strinde a figghja nostre, o Pipistréte.”

   Me pareve u segnorebbune e mite,

reponnep’a facce murtefechète:

“C’àmmafénuje a chillumél’aspire,

se chi ce jéme pe nujejicundannète?”

    Po’ gènde è viste a ragge de fuchire

p’i prete accide nu ggjovene, forte

gredanne pure: “Martire, martire”:

Lluvedeveavascéte pe lla morte

ca ce llupegghjeveggjà, sop’atèrre,

ma pe ll’ucchjengilea vulìconforte;

prejanne a granneréndatandaguèrre,

     ca perdunassequiddimalfatture,

    pe quèdda cere c’a piatàattèrre.

Quannell’anemamejeturnéngure

a lli cose, fore d’jèsse so’ ssì,

vedìllimije no favezeerrure.

LluDuche  ca me putevevedì

fécum’ome ca d’u sunne ce sdreghe,

decètte:”Ch’ji ca ndeputetenì?(120)

Ma sì venute cchjù de mèzza leghe

ammuccjannell’ucchje, e p’ijammescjolte

cum’e chi lluvine o llu sunne nghjeghe?”

     “O dolce Tatà mije, damme ascolte,

     te dich’jie”, ll’è ditte, “ che mm’ji parse,

quannell’jamme m’ànne fatte lla svolte.”

E jisse: “S’ avisse tu cinde farse

sop’a  facce, ne me sarrjinechjuse

llipenziretuve, se pure scarse.

    Che vediste, fu, pecché ne nde scuse

    d’aprì llu core a ll’acque de llapéce,.

   ca d’a fond’ètèrne stanne pe ll’ use.

N’addumanné:  cheéje, pe quèdd’èce

chi guarde pure p’ucchje, ca ne nvede,

quannesènz’anemellucurpegéce;

dumanné, pe darteforz’ a llupede:

pescanagghjéllischenigghje elli linde

   a usèllavegiljequanne crede.”    

Pe lluvèsprenuje  ce n’èmme, attinde

nnanze, pe quand’ucchjepot’allughè,

condrelliraggeserèlelucinde;

ècc’apoc’appoc’ u fume ce fé

    a senise, cumella notte, scure,

    e né da llà ce putevescanzé:

quèste ce luvéll’ucchje a ll’arja pure. (145)

Quanto tra la fine dell’ora terza/ ed il principio del giorno che appare la sfera, / che come un fan-ciullo sempre scherza,/ tantosembrava verso la sera,/ al sole era rimasto del suo corso; / lì era vespro e qui mezzanotte./ed i raggi ci ferivano per metà del naso,/perché per noi si era girato il monte,/ poiché già diritti andavamo verso il tramonto (occaso);/ quando avvertii pesarmi la fronte/ per lo splendore molto più di prima,/ e stupore mi davano (eran) le cose sconosciute (non conte)./ cosi che levai le mani verso la cima/ per fare da parasole (sollecchio) agli occhi (ciglia) miei/ come salvaguardia (lima) al troppo splendore (visibile)./ Come quando dall’acqua e dallo specchio,/ salta il raggio alla parte opposta,/ salendo su in  in oltremodo (parecchio)/ a quello che scende, e tanto si allontana/ (come) il cadere della pietra per lo stesso tratto,/ come ci dimostrano l’esperienza e l’arte;/ così mi è parsa la luce riflessa (rifratta)/lì davanti a me (nel) ternerla addosso,/ perché a nascondersi (fuggire) la mia vista fu svelta (ratta),/” Chi è quello, dolce Padre, da cui non posso/coprire tanto gli occhi, che mi valuta,”/ ho detto io, “ e pare che si muova verso di noi?”/ “Non ti meravigliare, se ti abbaglia ancora/ la famiglia del cielo,” mi rispose,/ “ è il messo che viene ad invitare che l’uomo salga. (30)

    Presto sarà che a vedere queste cose,/ non ti sarà di peso, ma diletto lieto,/ (per) quanto la natura ti dispose ad avvertirne (sentire)./ Poi arrivammo all’Angelo benedetto,/ (che) con voce lieta disse: “Entrate quindi, / uno scalino vien meno che gli altri sono eretti”./Si saliva, già lontani da lì/e “Beati misericordes” (ci) fu/ cantato dietro, e “Godi tu che vinci”./ Il mio Maestro ed io, ambedue soli/ andavamo in alto, ed io, andando, pensavo/ di acquistare forza dalle sue parole,/ e mi rivolsi a lui, domandando così:/“ Che cosa volle dire lo spirito di Romagna, /menzionando divieto e consorzio? “/ Perché egli a me: “ della sua maggiore magagna,/ conosce il danno, però non se ne vanta (s’ammiri)/ se ne pente, affinche se ne pianga di meno./ Perché i vostri desideri si rivolgano (appuntan),/ dove  per la moltitudine (compagnia) si riduce in parte,/ l’invidia muove il mantice ai sospiri./ Ma se l’amore della sfera suprema,/rivolgesse (torcesse) in alto il vostro desiderio/nel petto non vi sarebbe quel timo-re (tema);/ che per quanti si dice più  il nostro,/ tanto ciascuno ne possiede di più./ ed ancor più freme per la carità  in quel chiostro.” /”Io sono più contento ad essere digiuno”/ dissi io,” che mi fossi prima zittito,/ e raccolgo più di un dubbio nella mente. (60)

    Come si può che un bene distribuito/a più possessori faccia più ricchi / a se stessi, che non da pochi fosse (è) posseduto?”/ Ed egli a me.” Perché tu riponi/ la mente pure alle cose terrene,/ ti allontani  dalla vera luce./Quel bene infinito e leggiadro/che è lassù, così corre all’amore./come il raggio  illu-mina il corpo lucido./ Si dà tanto, quanto trova l’ardore,/ cosicché quantunque la carità si estende/ sopra di essa cresce l’eterno valore./ E quanta gente più sù si intende,/ più vi è da amare il bene, e più vi si ama,/ e come lo specchio l’uno all’altro riflette (rende)./ E se il mio ragionamento non ti sod-disfa,/ vedrai Beatrice, ed ella completamente (pienamente)/ ti toglierà questa  e ciascuna altra voglia (brama)./ Procurati (procaccia) pure, che presto saranno spente,/ come lo sono le altre due, le cinque piaghe,/ che si chiudono per essere dolorose.”/ Come io volevo dire: “Tu mi appaghi”/ Mi son visto arrivare all’altro girone,/ cosicché le luci incerte (vaghe) mi hanno fatto tacere./ Lì mi è sembrato da una visione/ estatica di essere subito preso,/ e vedere più persone in un tempio:/Ed una donna, all’entrata, con gesto/ dolce di madre, dire: “Figlio mio,/ perché verso di noi hai fatto così? (90)

     Ecco, dolenti, tuo padre ed io/ ti cercavamo.” E come qui si tacque,/ ciò che prima appariva, disparve./ Dopo mi apparve un’altra con quelle lagrime (acque)/ giù per il viso, che purifica il dolore,/ quando  in altri nacque la grande offesa (dispetto)/ e dice se tu sei il re della villa,/ nel cui nome presso gli Dei vi fu tanta lite, / e da dove ogni scienza se ne vanta,/ ti devi vendicare di quelle braccia ardite/ per abbracciare nostra figlia, o Pisistrato.”/ Ed il signore mi sembrava benigno, e mite,/ nel risponderle con viso sereno (temperato):/“Che cosa (dovremmo) fare noi a chi desidera il male,/se quello che si ama, per causa nostra (per noi) è condannato?”/Poi ho visto genti accese dal fuoco dell’ira,/ uccidere un giovinetto, forte/ gridando pure per lui: “Martire, martire.”/ E lo vedevo piegato per la morte/ che già gli pesava, verso terra,/ ma con gli occhi spalancati (porte) verso il cielo./Pregando all’alto Signore per tanta persecuzione (guerra)/ che perdonasse ai suoi persecutori,/ con quello aspetto, che ispira (disserra) pietà./Quando l’anima mia tornò fuori/ delle cose, che fuori di lei sono vere,/ io riconobbi i miei errori, non falsi./ Il Duca mio che mi poteva vedere/ fare come un uomo che si sveglia (slega) dal sonno,/ disse: “Che cosa hai, che non ti puoi mantenere (tenere)? (120)

Ma sei venuto (per) più di mezza lega/ mascherando (velando) gli occhi e con le gambe distorte (avvolte)/ come chi il vino o il sonno lo piega?”/ “O dolce Padre mio, se tu mi ascolti/ io ti dirò, /ho detto, “ciò che mi è aparso,/ quando le gambe si indebolirono (tolte).”/ Ed egli: “Se tu avessi cento maschere/ sul viso, non mi sarebbero occlusi/ i tuoi pensieri (cogitazion), se pure scarni (parve)./ Ciò che hai visto, fu (si è verificato), affinché non ti scusi/ di aprire il cuore alle acque della pace,/ che dalla fonte eterna sono diffuse./ Non domandai che hai, per ciò che facevi,/ chi pure guarda con l’occhio, che non vede,/ quando senza anima il corpo giace;/ ma lo chiesi per darti forza al piede:/ così è opportunio spronare i pigri, lenti/ad usare l’opere quando ritorna.”/Noi andavamo con il vespro, attenti/ (più) oltre, per quanto gli occhi potevano intravedere (allungarsi)/ contro i raggi seròtini e lucenti:/ ed ecco a poco a poco un fumo si fa/ presso di noi, come la notte, oscuro, / né da quello c’era modo di scansarsi,/ questo ci tolse gli occhi dall’aria pura, (145)

Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net