Storia

Paradiso, Canto IX, nella versione dialettale sipontina

Promo UnipolSai ilSipontino.net
Calici di Puglia
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Casa di Cura San Michele

L’Archivio Storico Sipontino,
per onorare anche a Manfredonia il 700° anniversario della morte di
Dante Alighieri,
ha creduto opportuno continuare a pubblicare la versione dialettale sipontina, curata da Pasquale Ognissanti (come avvenuto nel 2015 in occasione del 750° anniversario della nascita) (2021)

Paradiso

Canto IX

Po’ ca Carle tuve, bbèllaClèmènze
mm’òcchjarite e mm’òccundétellinganne
c’aveverecevequèddasemènze,
ma decètte: citte, fa passéll’anne
ca ne mbozze dice, ma schjitte: chjande
ggjuste v’uà venì pe tutte lli danne.
Ggjàlla vite de cudde lume sande
c’jeveaggeréte a llu sole c’a jènghje,
cum’ubbene ca d’ogne cose jitande.
A! alme ngannéte e fatture scèmbje
ca de stubbeneturcitellu core
danne a llavanetàlli vostre tèmbje.
Ecchemonn’ate de quiddi splendore
c’jivvecenéte pefarmepjacere
pe farecevedì tutte da fore.
Ll’ucchje de Vejatricesote e vere
sop’ammè, cum’epprime, p’ucunzènze
a questa vogljemeje sott’a zzere..
“Deh, a sta voglje dà mollucumbènze,
spiretebbejéte”, è ditte “e famme prove
ca te pozze dice quèdde ca pènze.”
Allore, a luce ch’jeve angore nove
da jind’ajinde, ddu prime candéve
facèttecume chi u bbeneaggjove,
“Ndaquèdda vanne d’a tèrrapréve
Italjéne, ca stéje tra lluRialte
e llifundéne d’uBbrènde e d’uPjéve,
cj’aveze nu colle, e nn’jitandeadalte
da sottevenèttenalucernèlle
c’a llicuntréde fece grann’assalte (30)
D’ a stèssa radice assèmmeij’ejèlle,
Cunizzefujecchjaméte, a qquàsplènde
pecchémm’òvinde u lume de sta stèlle.
Ma da mèstèsse me mèttecundènde,
cum’jistétella sorte ce nn’annoje
ca forse ssemegghjé forte a lliggènde.
De quèst’aneme e pure chéraggjoje
d’u cilenustre, ca cchjù me propinghe,
llafémesté prime d’a morta soje.
stucèndèsemeanne puste pe cinghe.
Vide cume ce féll’omeèccèllènde
ca ll’ata vite a prime ne descinghe.
E qquèste ne mbènze a gèndeprèsènde
ca Tagljamènde e Adege ce chjude,
né p’èssevattutemo ce repènde.
Lèste uà féPadeve ce ngembalude,
ca cange ll’acque ca Vicènzebbagne
p’èsselliggènde a lluduvere crude
Addu Sile a Cagnénecj’accumbagne
llustèssecumannep’achépa tese
ca prondejiggjà a pegghjécum’e ragne.
Uà chjangeangore Fèltre pe ll’offese
d’u bbruttechépesuve, ca ce sconge
Si’ c’a Malte ce ne facèttea rese.
Sarrije troppe larjellabbegonge
ca pegghjasse u sanghe d’i Ferrarese
e stanghe chi u pes’ajongj’ajonge,
cj’uàdunécustuprèvetecurtese
pe mustrarce a pparte, c’ò fatte done,
simele e forme so’ cum’upajese.(60)
Suse u spècchjestécachjaméte Trone,
d’adducj’alluceDijeggjudecande
ca stuparlè ce l’ànne fatte bbone.
Qquacettì e me fece assemegghjande
ca jèssenn’ata vote, a queddaròte,
addu c’jippuste ch’i stevedenande.
Ll’atalatizje ca mmejevenòte,
bbèlla cose mm’jirrevét’alla viste
cum’ubbalasce ca llu sole scòte.
Pe gudìllàsope luce cj’acquiste
cum’u rise a qqua; m’ abbasce ce scure
ll’ombre da fore, cum’ammèndeji triste.”
“Dije vede tutte e tu pp’ Jisse pure”
è ditte “bbunespirete, ngj’annulle
llavogljase nn’jimuccéteo nne dure.
Llavocjatove c’u Cile trastulle,
sèmbep’ucande d’ifuc’afejure
ca pe seje scille fann’ucuculle.
“Pecché nne suddesféte sti dèsije?
ca ne mbozz’aspetté ca mm’addumanne
se nd’attèmèttei lume e tu nd’imije.”
“A vallecchjùgranne ca ll’acque spanne”
Ò accumenzéte pe lli parole,
“fore d’u mère c’a tèrre ne ll’affanne,
tra lli lide ngundraste, condr’u sole
ce ne vétande da fémeredjéne,
llà, ddicall’orezzonde prime vole,
De quèdda valle fujelituréne,
tra Ebre e Macre, ca p’avija corte
porte u Genuvese da lluTuschéne.(90)
Nda nu tramonde o nda nubbèll’urte
Bbugijejillatèrreadduijefuje
ca d’u sanghesuveji russe llupurte.
Folche me chjaméquèddaggènde, a cuje
canuscjute so’ pure e custucile
de mè ce mbrègne, cum’è fatte iluje
De cchjùnn’abbruscé a figghje de Bile
Fastedjanne, a Sicheje e a Crèuse,
a mmèfis’a ché ne ngrescètt’u pile;
né quèddaRadopeje, ca deluse
fu da Demoofonde, né Alcide
quanne Jole ndallu core ll’ònghjuse,
né qqua ce pènde, ma a rise i gride
no de lla colpe, c’a mmènde ne ndorne,
ma d’u valore c’urdenèp’a fide.
Qquacj’ammirendall’arte ca ll’adorne
tand’affètte e ce capisce llubbene
ca llumunne de suseabbascetorne.
Ma pecchéquiddivogljetovechjene
te purte ca so’ nnétenda sta sfere
de jicchjùnnanze a mmè pure me vene.
Tu vùsapìcchejindastu lumere
c’appriss’ammèfé tutte sti scendille,
cumeragge de sole nd’acquechjére.
Dda sapì c’a llajindestétranguille
Raab, a ll’urdenenustrejiaggiunde
e pe llumègghjegrède ce gengille
Da custucile ca ll’ombre ce mbunde
c’u munnevustrefé, prima ca ll’alme
d’u trejonfe de Criste fu assunde.(120)
Cunvine a lassarle cumena palme
ndallucilecume grossa vettorje,
ce pegghjé pe june e jatu palme,
pecchèjèssevulìlla prima glorje
de Gjosuésop’allaTèrrasande
c’a llupépe ne nvenend’amemorje.
LlaCettàtove de cuddejillachjande
ca vuletélli spalle a llu Fattore
e ca llanvidje ce ne fé de chjande
fécrèsce e spanne u maledittefjore
ca cj’òsmammetepèchere e agne.
Pecchè lupe c’ji fatte llupastore.
ApucastìVangele e dotte magne
ne nzo’ lètte e schjittelliDecretéle
so’ studjéte ca llipérevevagne.
Quèstejilla cure u pépe e cardenéle,
ne nvépenzire lore a Nazzarètte
addulluGabbrejelejaprìll’éle.
Ma Vatechéne e ll’ati vanne èlètte
de Rome, ca so’ stétecemetere,
a llamelizje ca Pitrellà dètte,
llibbereànne fatte da sta premere. (142)

Dopo che Carlo tuo (Carlo Martello), bella Clemenza,/ mi ha chiarito e mi ha racontato l’inganno/ che doveva ricevere quella semenza,/ mi disse: zitto, fai passare gli anni/ poiché non posso dire, ma solo: pianto/ giusto vi deve venire (appresso) per tutti i danni./ Già la vita di quel lume santo,/ si era girato al sole che riempie,/ come il bene che è molto di tante cose./ Ah anime ingannate ed empia fattura/ che di questo bene amareggiate il cuore/ danno alla vanità delle vostre tempie,/Ecco ora un altro di quei splendori/ si è avvicinato per darmi piacere / per fsrsi vedere tutto intero./ Gli occhi di Beatrice, ch’eran fermi (veri e fermi)/sopra di me, come prima, con il consenso/ al desiderio rimasto a zero (inerme)./”Deh, a questa voglia dai subito il compenso,/ spirito beato” ho detto “ e dammi prova/ Che ti posso dire ciò che penso”/ Allora, la luce che era ancora nuova/ proprio da dentro/ dove prima cantava/ fece come a chi il bene gli giova./”In quella parte della terra depravata/ italiana, che sta tra il Rialto (Venezia)/ e le fonti del Brenta e del Piave/ si erge un colle, che non è molto alto/ da sotto arrivò una lucernella (Ezzelino III)/ che fece grande assalto alle contrade. (30)
“Da una stessa radice uscimmo io ed ella (lei)/ Cunizza fui chiamata, qui risplendo/ perché mi ha vinto il lume della stella./ Ma di me stessa mi accontento,/ come è stata la sorte che non mi annoia,/che forse potrà sembrare forte alle (vostre) genti./Di questa anima e pure da (questa) cara gioia/ del nostro cielo, che più mi si avvicina,/la fama sta (già) prima della sua morte./Questo centesimo anno portato per cinque./Vedi come si fa l’uomo eccellente/ si che l’altra vita la prima non dimentichi / E questo non pensa la gente presente (dove stanno)/ che Taglamento ed Adige racchiude,/né per lei battuta ora si penta./ Presto deve fare Padova per non impaludarsi/ che cambia l’acque che Vicenza bagna/ per lei le genti sono crude (crudeli, cattive),/ Dove Sile a Cagnano si accompagna/ lo stesso comando con la testa alta/ che è pronto a carpire come il ragno/ Deve piangere ancora Feltre per l’offesa/ del suo cattivo capo, che si sconcia,/ tanto che a Malta (in prigione) fece la resa (vi restò)/ Sarebbe troppo largo il catino/ che prendesse il sangue dei Farraresi/ e stancasse chi lo pesasse ad oncia ad oncia,/ si deve donare questo prete cortese (Bonifacio VIII -ironia-),/ per mostrarci a parte il dono fatto/ simile al vivere di questo paese. (60)
Sopra sta lo specchio che chiamate Troni,/ da dove si illumina Dio giudicante/ che questo parlare son fatti bene.”Qui si tacque e mi diede sembianza/ che andasse un’altra volta (verso) a quella ruota/ dove si è posto come era avanti./L’altra letizia che mi era nota/bella cosa mi è giunta alla vista/ come balascio (pietra preziosa) che il sole scuote (illumina)./Per godere lì sopra si acquista luce/ come il riso qui,/ ma giù (Inferno) si oscura/l’ombra di fuori, come la mente è triste./“Dio vede tutto e tu in lui pure”/dissi “spirito buono (beato), non si annulla/ la voglia se non è nascosta e non dura./ La tua voce che il Cielo trastulla,/sempre con il canto del fuoco figura (pio),/che con sei ali si forma il cucullo(abito monacale)./“Perché non soddisfi questi desideri?/Perché non posso attendere che mi domandi/se il mio in te metto i lumi e tu dentro me./“La valle più grande che l’acqua spande”/Ha inziato con le parole,/”Fuori dal mare che la terra non affanna (inghirlanda)/ tra i lidi in contrasto, contro il sole/se ne va, tanto da fare meridiano/ lì dove l’orizzonte prima vola./ Di quella valle fui litoraneo (abitai il lido)/tra Ebro e Macra che la via corta/porta il Genovese al Toscano (90)
In un tramonto e in un bello orto,/ Bugia è la terra di dove io fui,/ che del suo sangue è rosso il porto./Folco mi chiamò quella gente dalla quale/son conosciuto pure e questo cielo/di mè si impregna, come ho fatto di lui./ Di più non bruciò la figlia di Belo/ infastidendo (annoiando) Sicheo e Creusa/ a me fino a che non mi crebbe il pelo (divenni adulto),/ né quella Radopeia, che delusa/ fuda Demoofonte, né Alcide/ quando Iole nel cuore rinchiuse,/ né qui si pente, ma si ride (urlando),/ non della colpa, che nella mente non torna,/ ma del valore che ordinò per la fida (confida)./Qui si ammira nell’arte che l’adorna/ tanto affetto e si comprende il bene/ che il mondo da sopra giù ritorna/ Ma perché quelle tue voglie piene,/ ti porti che son nate in questa sfera,/ mi viene di andare più avanti./ Tu vuoi sapere che cosa è in questa lumiera (splendore)/ che appresso a me così scintilla/ come raggio di sole nell’acqua chiara./ Devi sapere che lì dentro sta tranquillo/ Raab, all’ordine nostro congiunto/ e per il miglior grado si gingilla (si vanta)./Da questo cielo ove l’ombra si appunta (manifesta)/ Che il vostro mondo fa/ prima che l’anima/ fu assunta dal trionfo di Cristo.(120)/
Conviene di lasciarla come una palma/ così nel cielo come grande vittoria/ che prese con uno e l’altro palmo./ perché lei volle la prima gloria/ da Giosuè sopra la Terra santa./ che al papa non gli sovviene nella memoria./ La tua città di quello è la pianta/ che voltò le spalle al Fattore,/ (per cui) l’invidia se ne fa di pianti/ fa crescere e spandere il fiore maledetto/ che ha smammato (deviate) pecore ed agnelli./ Perché lupo si è fatto il pastore./ Per ciò i Vangeli ed i dotti magni (patristica)/ non sono letti e solo i Decretali/ sono studiati che sembrano vevagne (suono della lana)./Questa è la cura del papa e dei cardinali,/ il loro pensiero non va a Nazaret/ dove (l’angelo) Gabriele aprì le ali./ Ma Vaticano e le altre parti elette (santuari)/ di Roma. Che furono cimiteri (ipogeti, catacombe)/ alla milizia che seguì Pietro,/ libere son divenute da questa primiera (adulterio). (142)

Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Casa di Cura San Michele
Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Calici di Puglia

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati