Fede e religione

Oggi 25 di maggio nasceva Padre Pio, colui che portò un grande vento di speranza e di pace in terra agli esseri umani

Matteo Gentile
Gelsomino Ceramiche
Antonio Tasso
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Maria Teresa Valente
Domenico La Marca
Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano

SAN GIOVANNI ROTONDO / MANFREDONIA – Era oggi 25 di maggio del 1887 che nasceva il Frate Pio al secolo Francesco Forgione,colui che toccò e ha toccato il mondo, mentre con gli occhi ha parlato prima al cielo del Gargano. Padre Pio – cambiò gli anni difficili di quel grande vento di cambiamento, lui, il più grande essere che faceva battere il cuore  sulla terra tra la gente, che gli assorbiva quelle poche forze che aveva. Fu cercato da tanti, la presenza era tra tutti, in ogni parte di moltissimi paesi.


E’ stato visto anche pur non muovendosi da quelle mura grigie del Convento, sopra la piccola chiesetta, dove c’era e c’è quel crocifisso con il quale lui parlava, in silenzio in quei mattini lontani e deserti di settembre, da quel luogo sperduto abbandonato dell’epoca, quel posto che lo ha visto giovane; battere i piedi di sangue su quel pavimento di quei corridoi, lasciando impronte che ancora adesso portano – ventate odorose nell’aria di quella che fu la sua sopravvivenza – e la sua gioia in quella terra del nostro Gargano…quando d’estate il cuore gli dava un’immensa pace, da trasmettere profumo intenso di rose da inebriare la mente di tante gente… mentre il cielo si faceva dolce prima che cadesse la sera – quando quell’odore portava voglia di vivere e tranquillità familiare.


Di Claudio Castriotta

Maria Teresa Valente
Promo Manfredi Ricevimenti
Antonio Tasso
Gelsomino Ceramiche
Matteo Gentile
Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Domenico La Marca

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati