Economia

Nuovo Dpcm, come ottenere gli indennizzi promessi dal Governo

I ristori arriveranno direttamente sui conti correnti dei diretti interessati con bonifico bancario attraverso l’Agenzia delle Entrate».

«Sarà offerta una nuova indennità mensile, una tantum, agli stagionali del turismo, spettacolo, lavoratori intermittenti dello sport», ha detto Conte. C’è la conferma della cassa integrazione, un’ulteriore mensilità del reddito di emergenza e misure di sosteno alla filiera agroalimentare.

«Ci sarà il credito di imposta per affitti commerciali di ottobre e novembre — ha spiegato — la sospensione della seconda rata Imu». 

Sul sito dell’Agenzia guidata da Ernesto Maria Ruffini c’è già una guida operativa per i contributi a fondo perduto che sono stati erogati alle imprese a maggio per fronteggiare la prima ondata della pandemia.

Il premier ha spiegato che si userà questo schema dimostratosi utile durante la prima fase. Va precisato che non c’è ancora una norma operativa che dovrebbe andare in Consiglio dei ministri e poi in Gazzetta ufficiale. Probabilmente sarà seguita da una circolare esplicativa delle Entrate.

Quel che si sa — dando per buono lo schema proposto a maggio — è che il contributo a fondo perduto potrà essere richiesto da soggetti titolari di partita Iva che esercitano attività d’impresa o di lavoro autonomo, come lo sono i gestori di bar e ristoranti.

Il primo requisito — previsto in quel decreto — era il conseguimento, nell’anno 2019, di un ammontare di ricavi o compensi non superiore a 5 milioni di euro.

ECCO IL LINK

Per ottenere l’erogazione del contributo a fondo perduto era necessario almeno uno di questi requisiti: 1) ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2020 inferiore ai due terzi dell’ammontare del fatturato e dei corrispettivi del mese di aprile 2019 (stavolta si parametrerà il calcolo sui mesi di ottobre e novembre 2019) .

2) L’inizio dell’attività a partire dal 1° gennaio 2019.

Vi sono ancora dubbi su chi abbia intrapreso una nuova attività dal 2020.

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button