Attualità CapitanataPolitica Italia

No al campo largo, ma in Puglia il M5S è ancora al Governo. I grillini devono uscire?

Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti
Casa di Cura San Michele
Promo UnipolSai ilSipontino.net

La domanda non è inaspettata, anzi: il M5s, in Puglia, dovrebbe lasciare il governo regionale? L’alleanza con Emiliano, nata fra tutti i consiglieri pentastellati (tranne l’ex candidata presidente Antonella Laricchia), nacque – subito dopo le regionali del 2020 – anche per creare un laboratorio politico fra Pd e M5s, ovviamente legato al disegno nazionale. Ma ora che il campo largo nazionale è finito e le strade di Enrico Letta e di Giuseppe Conte si sono separate, ha ancora senso la presenza della pattuglia grillina delle file della maggioranza?

Già qualche settimana fa, sulle pagine di Repubblica Bari, si parlava con qualche imbarazzo della decisione che avrebbe potuto prendere Conte sull’abbandono al governo Draghi. Quella decisione, poi, è avvenuta. E l’imbarazzo è pieno a Bari. Il MoVimento 5 Stelle, infatti, a Roma tradisce l’idea di campo largo, mandando a casa Draghi e il disegno congiunto con il Pd, e a Bari continua l’opera di governo con un posto in giunta regionale, quello di Rosa Barone, assessora al welfare. Lo stesso Emiliano, che aveva telefonato Conte prima della fiducia mancata al Senato, si era augurato che i grillini non facessero saltare il tavolo.  “In questo momento io penso che la strada di immaginare la propria identità politica nuova, del futuro facendo saltare un governo di unità nazionale non sia la strada giusta. Con grande delicatezza anche a Conte una settimana fa, in un colloquio telefonico, ho detto di riflettere bene su questa cosa e credo tutto sommato che la decisione finale del Movimento 5 stelle potrebbe essere quella di non far saltare il governo e me lo auguro fortemente”. 

Nulla è andato così, dunque si sono aperte anche a Bari delle voci possibili su rimpasti e malumori nella maggioranza. Nel frattempo, la voce indiscreta di una richiesta di Enrico Letta a Michele Emiliano per candidarsi a Roma ha fatto nascere un movimento di liste civiche contrarie a questo scenario. Il Pd, la lista “Con” e il gruppo “Per la Puglia”, infatti, hanno chiesto a Emiliano di non andare a Roma, di restare in Puglia e di considerare l’ipotesi di un terzo mandato.  I consiglieri di “Con”, la lista civica principale di Michele Emiliano, hanno rivolto un accorato appello al governatore a non candidarsi, perché “la Puglia ha bisogno di lui”. Anche su questo tema, non pervenuti i pareri del M5s, oramai in piena crisi di identità, da Roma a Bari. 

Gelsomino Ceramiche
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Casa di Cura San Michele

Articoli correlati