Attualità EsteroSalute e BenessereSocialStyle e Moda

L’allarme del NYT: “Fate più sesso!”

“Have more sex, please”, “fate più sesso, per piacere”, è il monito dell’articolo scritto da Magdalene J. Taylor sul New York Times nei giorni scorsi.

Dopo l’intervista all’ex pornoattrice Selen, in Italia non si fa altro che parlare di sesso, ma soprattutto della mancanza di rapporti sessuali come nei decenni scorsi.

L’ARTICOLO DEL NYT

Cosa ha spinto l’autrice Taylor a fare quell’articolo?

Secondo i dati statistici pubblicati dall’istituto di ricerca General Social Survey, nel 2021 più del 25% degli statunitensi non ha avuto neppure un rapporto sessuale, un valore triplicato rispetto al 2008. E si tratta di numeri impressionanti se paragonati agli anni ’80 e ’90.

COSA SUCCEDE IN ITALIA

Anche in Italia i dati sono in drastico calo, ma restano più alti della media mondiale. La media dei rapporti sessuali è a 2,5 a settimana, quindi sui 123 l’anno, rispetto ai 76 della media mondiale.

Le Regioni più attive sono la Lombardia, la Campania ed il Lazio, fanalini di coda Valle d’Aosta e Friuli Venezia Giulia.

LE RICERCHE SULL’ARGOMENTO

La ricerca “Less Sex, but More Sexual Diversity: Changes in Sexual Behavior during the COVID-19 Coronavirus Pandemic”, realizzata dal Kinsey Institute su 1.559 individui, ha riscontrato nella metà  del campione un calo della vita sessuale; mentre 1 partecipante su 5 ha riferito di aver ampliato il suo repertorio sessuale incorporando nuove attività.

Tra le nuove attività, vi sono nuove posizioni sessuali, sexting, inviare foto di nudo, condividere fantasie sessuali, guardare la pornografia, cercare informazioni relative al sesso online, fare sesso cibernetico, filmarsi mentre si masturba e agire in base a fantasie sessuali.

Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net