Giornate FAI d’autunno

Un weekend particolare e molto interessante per quanti decideranno di partecipare alle giornate FAI d’Autunno sabato 13 e domenica 14 ottobre 2018: il Consorzio aderisce alla campagna nazionale FAI #salvalacqua  e offre  una visita inedita alla diga di Occhito, la grande infrastruttura che ha interrotto l’isolamento idrico dell’assetato Tavoliere, ponendo le basi per lo sviluppo socio-economico della provincia di Foggia.

Lo sbarramento sito nella stretta di Occhito in agro di Carlantino (FG), alimenta  l’omonimo invaso che soddisfa i fabbisogni irrigui di circa 110.000 ettari di terreno nel Tavoliere di Puglia,  la richiesta del  potabile di gran parte della provincia di Foggia e il fabbisogno industriale dove richiesto.

È una diga tra le più grandi in Europa della categoria delle dighe in terra, alimentata dalle acque del Fiume Fortore ed i torrenti La Catola, Tappino  e Cigno ed è inserita in un contesto paesaggistico di grande valore.

La campagna del FAI nazionale “salvalacqua, risparmia, recupera, ricicla”, afferma il Presidente Giuseppe De Filippo ci offre  l’occasione per far conoscere le infrastrutture e con esse anche le attività collegate,  con un occhio di riguardo alle problematiche che affliggono il nostro territorio legate all’acqua.

La conoscenza  e la diffusione  degli obiettivi alla base della campagna Fai che il Consorzio ha pienamente condiviso, potranno svolgere  un ruolo essenziale verso il conseguimento di una cultura territoriale diffusa sulla gestione del sistema delle acque superficiali.

Il  percorso di visita, riferisce il Direttore Generale Francesco Santoro,  è stato affidato alla guida dei dipendenti dell’Ente che oltre ad illustrare le opere cureranno gli aspetti salienti della campagna: scarsità, siccità e dispersione dell’acqua,  senza trascurare di trattare la difesa idrogeologica del territorio operata dall’invaso con la funzione di laminazione delle piene. Per accrescere l’interesse dei visitatori, inoltre,  è stata allestita una mostra di foto storiche della diga in costruzione.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*