Poesie

“Bbèlle u pajese mije”

bbèlle u pajese mije

Quand’ji bbèlle u pajese mije
ca cj’abbagne nda llu mére,
so’ fernite lli denére
e t’abbrazze pe zazije

E zazije, p’a vestaglje,
vé a lla spasse p’a quartére,
e lli cunde ne nvanne mbére
chi ll’appure cudde sbaglje?!

Quanto è bello il mio paese,/ che nel mare (pur) si bagna,/ son finiti i denari,/ e ti abbracci con sora zia.// Sora zia, con la vestaglia,/ va allo spasso con la quartara,/ i conti non vanno a pari (pareggiano)/ chi l’appura (trova) quello sbaglio?!
Pascalonia

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button