fbpx
Poesie

“Anno, annata” a cura di Pasquale Ognissanti

Antiche tradizioni popolari sipontine

Anno, annata
A cura di Pasquale Ognissanti Archivio storico sipontino

I commenti sull’anno potrebbero essere ovvi, tanto è pregnante nell’animo umano il trsascorrere del tempo. Eppure non mancano proverbi e modi dire che sono ironici od anche bene auguranti.

Acchessì… passene ll’anne
Così passano gli anni (inerzia)

Accume passene ll’anne
Come passano (veloci) gli anni

A jann’a janne
Ad anni ad anni (per lungo tempo)

A ll’anne che vene
ce ne parle
Se ne parla/ per l’anno che viene

A llà passe ll’anne
d’i panne suve
Lì passa gli anni/ dei panni suoi (tutto il suo tempo)

Altruve (pe) qual’amne
Altrove (chi sa) quale anno

Anne addrete
Anni addietro (passati)

Anne nuve,
vita nove
(Jurne)
Anno (Giorno) nuovo,/ vita nuova

Annéte de vinde:
Annéte de ninde
Annata piena di vento:/ annata da niente (poco raccolto)

Ce lli porte bbune ll’anne
Se li porta bene gli anni

Ce ne parle ll’anne ca vene
Penzéme a fernèsce bbune cust’anne
Se ne parla l’anno venturo/ pensiamo a finir bene quest’anno

Ce vonne anne
e sèchele
Occorrono anni/ e secoli (moltissimo tempo)

Chépe catalanne
(chépe ist’a ll’anne)
Per lungo tempo

Chépe code a ll’anne
Testa, coda all’anno (da un capo all’altro dell’anno

Cj’ammucce ll’anne
Si nasconde gli anni (non dice mai la verità sui suoi anni)

Cume amme viste cust’anne,
amma vedì ll’anne ca vene
Come abbiamo visto questo anno/ dobbiamo vedere l’anno che viene

Cust’anne ji na bbon’annéte
Questo anno è una buona annata

Da chiche janne addrete
Da qualche anno addietro (1791)

Da mo a cind’anne
Da mo a cento anni (augurio)

Da quand’anne ce canuscime
Da quanti anni ci conosciamo…

Doppe de n’anne
ce cèrne a cènere
Dopo di un anno/ si vaglia la cenere

E ji passéte pure cust’anne
Ed è passato pure questo anno

Gese Criste
ce uà bbenedice ll’annéte
Gesù Cristo/ ci deve benedire l’annata (la coltivazione annuale)

Janne pe janne
Anno per anno (con calma)

Ji na malannéte
(bbonnanéte)
E’ una cattiva (buona) annata (pessimo, buon raccolto di grano)

Ji n’annarule
E’ un annarolo (con contratto annuale)

Ji n’anne e cchjù
E’ più di un anno

Ji passéte n’at’annéte
E’ passato un altro anno

Ll’anne ca vene
L’anno che viene (venturo)

Ll’anne de samminghe
(samméje)
L’anno di sammingo (di santo mai)

Ll’anne d’u bbonsalute
L’anno del buon saluto (buona salute)

Ll’anne ne nzo’ méje troppe
Gli anni non sono mai troppi (meglio averne troppi)

Ll’anne passene
e ne nde n’accurge
Gli anni passano/ e non te ne accorgi

Ll’anne passéte
L’anno passato (scorso)

Ll’anne sène
Gli anni interi (molto tempo)

Llu piseme de ll’anne
Ji llu piseme cchjù granne
(pesande)
Il peso degli anni/ è il peso più grande (gravoso)

Mègghje a ne ngundé ll’anne
Meglio a non contare (enumerare) gli anni

Me so’ stanghéte a cundé ll’anne
Sono stanco a contare gli anni

Mufalanne
Mo fa un anno (l’anno passato)

N’anne ne nge chembronde pe nn’ate
Un anno non si confronta con un altro

N’annéte mange n’at’annéte
Una annata mangia un’altra annata (passano in fretta)

Na volt’a ll’anne
Ddije lla cumanne
Una volta all’anno/ Dio lo comanda (togliersi uno sfizio)

Ne mmostre ll’anne ca tene
Non mostra gli anni che ha

Ne nge condene
ll’anne ca tene
Non si contano/ gli anni che ha (vecchissimo)

Ne nn’ji cchjù annète
d’accurdè colascione
Non è più annata di accordare calascione (manole)(contrabbassi)(non è tempo da far festa)

Nn’o fatte manghe n’anne
Non ha fatto manco un anno

Nn’o fatte passé
manghe n’anne
Non ha fatto passare/ manco un anno

Passe n’anne
e vene n’ate
Passa un anno/ e viene un anno

Passene ll’anne
Ma rumanime
sèmbe u stèsse
Passano gli anni/ ma restiamo/ sempre uguali (stesso stato socio-economico)

Qquand’anne à fatte?
Quanti anni hai fatto (compiti)?

Qquand’anne me déje?
Qquande ne tine.
Quanti anni mi dai?/ quanto ne tieni!

Qquand’anne so’ passéte…
Quanti anni sono passati

Qquand’anne tine?
Zicche zicche tande
Quanti anni hai?/ Esattamente tanti

Quatt’anne a magge
(Farà) quattro anni a maggio (anche soprannome)

Qquèdde ca ne ssuccede
nda nn’anne
succede nda nu mumènde
Ciò che non accade/ in un anno,/ può accadere in un momento (solo istante)

Sime de llu stèsse anne
Siamo dello stesso anno

So’ janne e janne
Sono anni e anni (è pssato molto tempo)

Tene ll’anne de tataranne
Ha gli anni di nonno

Te pute fé ll’anne
d’i panne tuve
Ti puoi fare gli anni/ dei panni tuoi (puoi stare contento)

Trè volte a ll’anne
ce péje a tèrze
Tre volte all’anno/ si paga la terza (ogni 4 mesi: Natale, Pasqua, Ferragosto)

U crejature de n’anne
(U uagnone)
(Assomiglia) alla creatura di un anno (infantilismo acuto)

Vole affranghé ll’anne
Vuole affrancarsi (diminuire) gli anni

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button