Lavoro

Al sipontino Ferdinando Di Staso il riconoscimento “Stella al Merito del Lavoro”

Festa del Lavoro speciale per Manfredonia.
Questa mattina, accompagnato dall’Assessore al Welfare, Avv. Grazia Pennella, il nostro concittadino Ferdinando Di Staso (storico dipendente dello stabilimento FTP Industrial SpA di Foggia, ex Iveco) é stato insignito del prestigioso riconoscimento della “Stella al Merito del Lavoro”.

La cerimonia, svoltasi a Bari nell’Auditorium della Legione Allievi della Guardia di Finanza, ha visto la presenza del Prefetto di Foggia, Carmine Esposito che ha conferito l’onorificenza a Di Staso, sipontino doc residente e punto di riferimento della comunità di Borgo Mezzanone.

La “Stella al Merito del Lavoro” è una prestigiosa onorificenza della Repubblica conferita dal Capo dello Stato, su proposta del Ministro per il Lavoro a quei dipendenti da imprese pubbliche o private, nonché da aziende o stabilimenti dello Stato, delle Regioni, delle Province, dei Comuni e degli Enti pubblici, che si siano particolarmente distinti per singolari meriti di perizia, laboriosità e buona condotta morale.

“L’impegno e la serietà premiano sempre – ha dichiarato l’Assessore Pennella -. A Ferdinando, nostro concittadino, meritatamente viene conferito il più importante riconoscimento per un lavoratore. Un esempio di professionalità ed etica che ha contribuito in tutti questi decenni di lavoro a far crescere l’azienda ed il territorio. Ferdinando è anche luno dei tanti esempi virtuosi di Borgo Mezzanone, comunità operosa appartenente a Manfredonia che merita maggiore dignità sociale partendo da esempi virtuosi come lui”.

Auguri e complimenti Ferdinando da tutta l’Amministrazione comunale e la cittadinanza di Manfredonia.

Gelsomino Ceramiche
Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net

Comunicato Stampa

Il presente comunicato è stato redatto dall'ufficio stampa del soggetto dell'articolo. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati