Attualità

Vieste, morto il dottor Nicola Cariglia

“Ci ha lasciati sgomenti la notizia della improvvisa scomparsa del Dr. Nicola Cariglia, Presidente della Fondazione Filippo Turati e fratello del compianto nostro concittadino Antonio Cariglia, Suo fondatore.

E’ una gravissima perdita, perché riguarda una personalità particolarmente legata con affetto e dedizione alla nostra città, come ha dimostrato il Suo instancabile attivismo riposto affinchè il Centro Socio Sanitario di Vieste restasse quel punto di alto riferimento assistenziale che ha lenito le sofferenze di tanti nostri concittadini della Terza Età, ma anche di infortunati gravi bisognosi di cure riabilitative.

Negli ultimi anni, con l’impegno strenuo di Nicola Cariglia, la Fondazione Turati nel Presidio di Vieste si era già proiettata in un ulteriore sforzo di modernizzazione di strutture, attrezzature, tecnologia, professionalità ed organici che la tenessero al passo con i progressi della medicina riabilitativa e con gli standard di un ente assistenziale al passo con i tempi.

Siamo certi che nel ricordo Suo e di Suo fratello Antonio il destino del Centro Turati si conserverà indenne e riserverà ulteriori slanci di attività.

I Viestani resteranno profondamente grati ad entrambi per aver assicurato nel nostro territorio la presenza di un presidio medico-riabilitativo che ha colmato vistosi deficit e carenze della sanità pubblica e di averlo conservato in tutti questi anni in tutta la sua efficienza ed affidabilità a beneficio di noi tutti.

A nome della città di Vieste e dell’Amministrazione comunale ci uniamo a tutti coloro che ne piangono la scomparsa, nel ricordo che ne conserviamo di persona sensibile, stimata, impegnata ed incline a sentirsi “viestano”, nel segno fecondo tracciato da suo fratello Antonio”.

Vieste, 20 settembre 2022

Il Sindaco.  GIUSEPPE NOBILETTI

Comunicato Stampa

Il presente comunicato è stato redatto dall'ufficio stampa del soggetto dell'articolo. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Back to top button