Strumenti per dare un sostegno concreto a chi ne ha più bisogno

Nessun uomo è un’isola: tutti noi dovremmo aiutarci a vicenda nei momenti di difficoltà, e stare sempre molto attenti ai bisogni delle persone e dei bambini più sfortunati di noi, che non possono permettersi un’esistenza come la nostra per via della presenza di malattie e di disabilità psico-motorie. Per questo motivo, è fondamentale che ognuno di noi dia – in base alle proprie risorse economiche – un importantissimo contributo alle associazioni benefiche, che si occupano a loro volta di dare un supporto ai bambini e agli individui affetti da problemi fisici o sensoriali. Il modo migliore per far star bene gli altri, e per star bene con noi stessi. Vediamo insieme quali sono gli strumenti per dare un sostegno concreto a chi ne ha più bisogno.

Donare qualcosa alle associazioni di volontariato

In Italia esistono molti enti preposti alla raccolta delle donazioni e alla pianificazione di progetti a favore dei bambini e delle persone più bisognose. Da questo punto di vista, gli strumenti per donare denaro non mancano: potreste ad esempio fare delle donazioni uniche, solo quando lo vorrete, oppure di scegliere come sistema di beneficenza le donazioni regolari, più efficaci in quanto mettono a disposizione delle Onlus cifre decisamente più importanti. Ma come scegliere gli enti attraverso i quali fare beneficenza? Noi consigliamo di verificare su Google i pareri di chi ha già avuto a che fare con una particolare Onlus, così da capire se si tratta realmente di una associazione no profit. Da questo punto di vista occorre sicuramente rivolgersi a enti ufficialmente riconosciuti a livello europeo, come ad esempio la Lega del Filo d’Oro che si occupa di bambini sordociechi. Quest’associazione mette a disposizione dei cittadini degli strumenti chiari per chi vuole informarsi su come donare soldi in beneficenza: esistono infatti diversi programmi di donazioni regolari insieme ad altre iniziative volte al sostegno della loro causa. Questa è solo una delle associazioni riconosciute ufficialmente, ma in ogni caso se non volete incorrere in truffe o raggiri, è meglio rivolgervi a enti che espongano tutto in modo chiaro, che siano registrati presso il Registro delle Imprese e che abbiano un sito web sicuro.
Le altre modalità per fare donazioni regolari

Oltre alle donazioni singole e a quelle regolari, esistono anche altri modi per fare beneficenza. Ad esempio, potreste decidere di donare il cinque per mille del vostro Irpef alle associazioni no profit, oppure partecipare con le vostre donazioni a specifici progetti indirizzati al benessere dei bambini malati, come ad esempio parchi o strutture ricreative. Ma gli strumenti per fare beneficenza non terminano certo qui: ci sono le bomboniere e le cartoline di auguri solidali, la possibilità di fare donazioni attraverso il testamento, e persino alcune soluzioni che consentono alle aziende di fare donazioni. In altre parole, se state cercando un sistema per fare del bene, non vi resta che scegliere fra questo ampio ventaglio.

Come dare un aiuto in prima persona: il volontariato

Infine, occorre sottolineare che se nutrite il desiderio di impegnarvi concretamente nel sociale, potrete anche scegliere di presentarvi come volontari per uno dei tanti progetti attualmente in corso d’opera, come ad esempio le missioni in Africa finanziate da Projects Abroad. Come fare, in questo caso? Una volta scelta la destinazione, dovrete informarvi presso gli uffici dell’ente e richiedere di entrare a far parte dello staff. Ovviamente, le vostre mansioni dipenderanno dalle vostre qualità e dai vostri titoli di studio.

 




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*