Storia

Le scale graffite su alcune Chiese rurali e rupestri dell’area garganica

LE SCALE GRAFFITE SU ALCUNE CHIESE RURALI E RUPESTRI DELL’AREA GARGANICA

UNA POSSIBILE INTERPRETAZIONE 

La presenza di scale graffite, da me riscontrata in una mia escursione nella chiesa rurale di Santa Lucia,nellevicinanze dell’Abbazia di San Leonardo di Siponto mi ha spinto a fare delle considerazioni:

questo segno è molto frequente nella Santa Lucia , ma e’ completamente assente sia  a San Leonardo  a Santa Maria Maggiore e anche nella cappella rurale extra moenia nei pressi dell’Anfiteatro di Siponto.

Ho anche chiesto a miei due amici, grandi conoscitori del  Gargano (Chiese, cappelle rurali, ma anche case , mulini, ecc.) se avessero incontrato questo simbolo.

E sia Michel di Bari che Matteo  Borgia mi hanno inviato alcune bellissime foto che sto raccogliendo in un album : un lavoro certosino che è iniziato e spero di portare avanti con l’aiuto di chiunque possa darmi delle indicazioni sulla presenza di questo simbolo.

Altre “presenze” le ho tratte da alcuni testi su Monte S.Angelo, Pulsano,ecc. S.Maria Devia, Stignano, ecc.

Ho cercato quindi, di dare una spiegazione plausibile e quanto più razionale sul significato simbolico della scala nell’iconografia  “ufficiale”, rapportandola a quella possibile nell’ambito delle nostre realtà contadine, rurali,legate al fenomeno mai finito delle genti transumanti che hanno percorso in lungo e in largo le strade della pianura ma anche del pietroso promontorio garganico.

Nell’accezione simbolica la scala a pioli e’ simbolo di evoluzione spirituale ed intellettuale , di graduale crescita in saggezza e in sapere.

La Bibbia menziona tra l’altro, il sogno di Giacobbedella “scala celeste” sulla quale gli angeli salgono e scendono : un simbolo  del vivo rapporto tra Dio e l’uomo (Genesi 28,12).

Giacobbe pose una pietra al centro di una circonferenza sul terreno ,dal quale si elevava la scala percorsa dagli angeli. (A S. Lucia ho fotografato una scala che parte dal centro di una circonferenza (foto)

Anell’arte cristiana si incontra spesso la “scala delle virtu’ ” , sulla quale gli uomini virtuosi, minacciati da ogni parte dai demoni, giungono in alto ,gradino dopo gradino fino alla perfezione.

Come luoghi dell’ideale evoluzione spirituale, anche i monasteri i luoghi sacri cistercensi e le certose furono paragonati talvolta a una scala a pioli (questi luoghi si  chiamano a volte  anche  “Scala Dei”.

Molte “Scale Sante” sono sparse in molti luoghi della Fede  cristiana: (Roma, Loreto ,Lourdes,ecc,)

La Scala Santa di San Giovanni in Laterano a Roma è composta da 28 scalini:la tradizione vuole che si tratti della scalinata salita da Gesù,per raggiungere  l’aula della sua condanna a morte in seguito al suo processo e la conseguente condanna a morte ad opera di Pilato. 

La scala, secondo   un’ antica tradizione, fu fatta trasportare a Roma 

dall’ Imperatrice S. Elena nel 326 .

Ogni venerdi di quaresima e’ usanza salire in ginocchio, pregando, i gradini della scala come atto di devozione per rivivere la Passione di Cristo e per assicurarsi l’indulgenza plenaria dai propri peccati.

Tornando alla rappresentazione delle scale  dei graffiti  citati su alcuni edifici religiosi, rurali, pareti del  Gargano, sono propenso a formulare due  possibili spiegazioni.

La prima, potrebbe  in teoria  avere come   riferimento le scale sante nel senso che i Sacerdoti  assegnavano ai penitenti, una formula per l’espiazione dei peccati, per ogni gradino o piolo della scala graffita.

L’altra mia ipotesi, forse piu’ realistica è legata alla     vita dei campi , a quella c Civiltà contadina che ha per secoli permeato la vita di questi luoghi con il lavoro duro nelle campagne.

E poiché le scale avevano una funzione fondamentale nella raccolta delle olive, della frutta, nei lavori edili,ecc, senza grandi accorgimenti sulla sicurezza, ecco, ritengo qei graffiti ,come tanti altri lasciati per fede nelle chiese, santuari e luoghi sacri, come segno di ringraziamento grazia ricevuta in seguito ad una caduta accidentale  dalle scale.

Quindi un ex voto graffito , a ricordo di una grazia ricevuta.

Colgo l’occasione per invitare coloro che vanno per chiese, santuari, ecc. del nostro territorio di fare delle foto su qualsiasi graffito che raffiguri le scale…ed inviandomele…e se hanno spiegazioni su questo simbolo, diverse da quelle da me ipotizzate, sarei loro doppiamente grato se me le rendessero note.

Grazie per l’attenzione

Aldo Caroleo Siponto 28 Gennaio 2023

Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano
Gelsomino Ceramiche

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net