Curiosità

Può valere 40000 euro! Come riconoscere la moneta rara da 1 euro

Non sempre ci si rende conto di avere a portata di mano una papera dalle uova d’oro. Può trattarsi di francobolli, le ormai datate schede telefoniche o come nel nostro caso di monete. In modo particolare di una comune e semplice monetina da 1 euro.

Per i più incide poco ritrovarsi con o senza l’euro in tasca, ma dopo la lettura di questo articolo in molti presteranno maggiore attenzione alle monete nel portafoglio. Prima di passare alla descrizione dell’oggetto in questione è bene parlare della sua rarità. Si stima che di questa particolare moneta da 1 euro ne siano state coniate moltissimi esemplari. Questo l’elenco completo.

  • Andorra 2015, 2017 e 2018.
  • Austria (seconda serie) con Mozart. Controllate quelle delle annate 2012, 2013, 2014, 2015.
  • Belgio (prima serie) 2000, 2001, 2005, 2006.
  • Belgio (seconda serie) 2007, 2010, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017.
  • Cipro 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018;
  • Estonia 2016.
  • Finlandia (seconda serie) 2013, 2014, 2015, 2016, 2017 e 2018.
  • Francia 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018.
  • Germania 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018 con segno A oppure D oppure F, G o J.
  • Grecia dal 2012 al 2018.
  • Irlanda 2016 e 2017.
  • Lettonia 2015 e 2018.
  • Lituania 2018.
  • Lussemburgo 2017 e 2018.
  • Malta 2011, 2012, 2013, 2014, 2015.
  • Principato di Monaco 2004, 2006, 2009, 2011, 2013, 2017.
  • Olanda 2016, 2017, 2018.
  • Portogallo 2012 e 2013.
  • Repubblica di San Marino 2003, 2005, 2007, 2008, 2011, 2012, 2016.
  • Slovacchia dal 2010 al 2018.
  • Slovenia dal 2010 al 2018.
  • Città del Vaticano 2002, 2003, 2005, 2006, 2007, 2008, 2009, 2010, 2011, 2012, 2013, 2014, 2015, 2016, 2017, 2018.

Può valere 40000 euro! Come riconoscere la moneta rara da 1 euro

La moneta da un euro in questione presenta non una, ma varie particolarità perché è caratterizzata da numerosi difetti di conio che ne hanno aumentato, col passare del tempo, il suo valore. In tale pezzo da un euro, in primis manca il marchio della Zecca di Roma, che invece dovrebbe essere presente. Si tratta della “R”, che dovrebbe essere stampata sulla moneta e invece non è presente. Un altro difetto visibile la zigrinatura che è quasi difettosa, dato che è differente rispetto a quella presente sugli altri euro. Per ultimo su questo euro sembrerebbe proprio che manchi l’anno in cui è stata coniata.

Questi errori l’hanno portata ad essere la moneta da 1 euro con più mercato. Infatti, secondo alcune notizie in giro per il web, avrebbe raggiunto la cifra da capogiro di 40.000 euro nel corso di un’asta effettuata su eBay.

Antonio Ferrantino

Giornalista a 360 gradi, dopo l'Università rincorre il sogno di lavorare nel mondo dell'informazione. Grazie a qualche assist del Destino, trova impiego presso le più autorevoli testate giornalistiche del Bel Paese alternandosi tra web e cartaceo.

Articoli correlati

Back to top button