Eventi Capitanata

Pane dal cielo e vino dalle fontane, Roseto Valfortore si prepara a festeggiare San Filippo Neri

Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Casa di Cura San Michele
Promo UnipolSai ilSipontino.net

Dal balcone della chiesetta-oratorio di San Filippo Neri saranno lanciati verdure, pane e formaggio alla folla e dalla fontanella appositamente installata in piazza sgorgheranno acqua, latte e vino: Roseto Valfortore onora così il suo patrono, Santo della Gioia e dell’abbondanza, modello di carità. È il rito più caratteristico e folkloristico di uno dei Borghi più belli d’Italia.


Dai balconi pendono arazzi e coperte che addobbano le strade del grazioso borgo insieme ai lumini votivi, in segno di devozione.


Quando la statua del santo, portata in processione attraverso le vie del paese, giungerà in piazza Bartolomeo III, cittadini e visitatori potranno assistere al perpetuarsi dell’antico rito
Il parroco, don Stefano, distribuirà ai fedeli, fave, insalata e altri ortaggi, pane e formaggio, che soprattutto i bambini, ma anche i grandi, si divertiranno a prenderli al volo o a raccoglierli

LA STORIA
Si tratta di una tradizione antichissima, un rito che si ripeterà ancora una volta il prossimo 26 maggio. Nel 1623 l’arciprete De Santis portò a Roseto il culto di San Filippo Neri, diventato poi il patrono del paese.

Nella sua abitazione, trasformata in oratorio, si conserva un prezioso busto d’argento del santo. Fiorentino d’origine, San Filippo Neri si trasferì a Roma quando era ancora molto giovane. Nella città eterna ricevette l’appellativo di “secondo apostolo di Roma” per la determinazione con cui cercava di riportare sulla retta via una città sempre più corrotta e pericolosa.

Fu ribattezzato dai fedeli come il “Santo della gioia”, grazie alla straordinaria capacità dimostrata nel coinvolgere i giovani, ragazze e ragazzi di strada con cui pregava e cantava.

Restano memorabili alcuni suoi detti sarcastici, quali ad esempio lo “State buoni se potete”, titolo di un omonimo film sulla sua vita, o il “Ma va’ a morì ammazzato…per la fede” che gli valsero anche l’appellativo di “buffone di Dio”.

Gelsomino Ceramiche
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Casa di Cura San Michele
Promo UnipolSai ilSipontino.net

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati