Politica Manfredonia

Ospedale San Camillo, Di Staso: “Facciamo il punto della situazione”

Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Casa di Cura San Michele
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti

Ospedale San Camillo, Di Staso: “Facciamo il punto della situazione”

Manfredonia è stanca dell’elemosina elettorale. La situazione del “San Camillo” è disastrosa. Sappiamo che la sanità dipende dalla Regione e, pertanto, sappiamo quali sono i partiti che la governano da quasi vent’anni. Molto spesso ci si fa un vanto del collegamento con questi partiti e, visto che questi stessi partiti hanno avuto sempre dei bei seguiti elettorali a livello cittadino, il risultato doveva essere un Ospedale all’avanguardia e non lentamente smembrato.

Quello di Manfredonia è l’ospedale più disastrato di tutti, nonostante sia a servizio di un territorio ampio e complesso come il Gargano.

La verità? Se ad oggi sono state mantenute le condizioni minime di operatività e vi è stato qualche miglioramento, lo dobbiamo al già sindaco Gianni Rotice che si è fatto carico di un confronto quotidiano con la struttura, culminato con l’insediamento ad ottobre della nuova governance della Direzione Sanitaria.

Ad ogni campagna elettorale assistiamo alle solite passerelle. L’elemosina elettorale umilia ancora di più il futuro di questa città. Come si può pensare di fare turismo se non si garantisce l’assistenza sanitaria? Come qualcuno si prende i meriti dell’arrivo di un anestesista (insufficiente per garantire la copertura dei turni e delle prestazioni), si prendesse anche le colpe dello stato vergognoso in cui è stato ridotto il “San Camillo”

Casa di Cura San Michele
Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Centro Commerciale Gargano

Comunicato Stampa

Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ilsipontino.netPer segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati