fbpx
Sport

Manfredonia non avrà mai un campo di atletica leggera

E’ da oltre scarso  più di un quarantennio  che aspettiamo la famosa pista di atletica leggera, abbiamo visto passare nuove generazioni e pigiare perfino col piede sul tempo della rassegnazione, ma non ce la facciamo, ancora fatica oggi a digerire questo argomento così ancora attuale e di un’importanza fondamentale. Un argomento orami sepolto dentro un fosso, per sempre o per dirla con le parole dell’Ungaretti “Un mare Sepolto” questo termine gli si addice molto di più,tutto questo in realtà mi fa paura questa insana improvvidenza  ,di un egoismo tale e del non pensare al paese che vive di eterni silenzi in riguardo.

Ma vi rendete conto che qui a Manfredonia, non abbiamo niente, pochissimo il controllo per il benessere del cittadino, già le persone di per se vivono sempre sul piede di guerra, tra di loro e regna spesso l’indifferenza più pura.

Nel passato. Siamo ad una domenica mattina, con l’amico e insegnante di Scienze Motorie Pasquale Di Gregorio, ex atleta con me della stessa società della storia sportiva manfredoniana, che venimmo fuori col vecchio discorso di sei anni fa – oramai l’avevamo tirata fuori dalla tasca come un’immagine cara, mai avuta, ma sempre desiderata e lungamente promessa. Ebbene, questa è stata una piccola luce accesa, sempre vissuta in penombra, tenuta conservata negli anni come una preziosa grazia di parsimonia, quasi a voler resistere in questa lotta non certamente facile, da portare al risveglio della popolazione.

Quando Pasquale , mi  parlò dei compagni dell’ex gruppo d’atletica di Manfredonia, mi è sceso un brivido lunga la colonna vertebrale i nostri visi si sono rabbrividiti dalle cento sensazioni attuali, ricordando girando la testa a quella che è stata la nostra vita agonistica sportiva, iniziata prestissimo. Eravamo davvero dei ragazzi in gruppo con tanti altri, nostri colleghi atleti, in pochi e molto soli, vivevamo in isolamento tale , quando ci allenavamo verso Siponto ,che era la meta ideale per il lunghi e faticosissimi allenamenti di fondo. Altri tempi, c’era addirittura chi ci insultava.

Commosso, mi sono ripromesso di scrivere questo articolo , rivolto direttamente alle autorità costituzionali, chiedendo loro quando, e semmai saranno mai in programma i lavori per realizzare la pista di atletica leggera? Ovviamente la risposta è no! Un appello dunque che rivolgiamo a nome soprattutto dei tanti ragazzi che fanno atletica : e che sono soliti allenarsi per strada non avendo altre strutture a disposizione. Ma no facciamo che vada nel fondo profondo,ma la gente lo deve sapere che qualcuno ne parli e denunci .La nostra vuole essere, dopo tanti anni di attesa per gli sportivi agonistici e amatoriali sipontini, una preghiera per costruire il nostro, il loro, un suo sogno per Manfredonia intera.


Di  Claudio Castriotta

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati

Back to top button