Viaggi

Itinerari di viaggio: Budapest

Budapest, la capitale dell’Ungheria, è tagliata in due dal Danubio. Il Ponte delle Catene, del XIX secolo, congiunge la zona collinare di Buda a quella pianeggiante di Pest. Una funivia collega la collina del castello al centro storico di Buda, dove il Museo storico di Budapest ripercorre la storia della città a partire dall’epoca romana. La Piazza della Santa Trinità ospita la Chiesa di Mattia del XIII secolo e le torrette del Bastione dei Pescatori, che offrono ampi panorami.

La visita richiede tre giorni

Primo giorno

Trascorrete la vostra prima mattina a Budapest sulla Collina del Castello, dopo aver percorso il Ponte delle Catene, per ammirare la vista dal Palazzo Reale e farvi un’idea di come sia disposta la città dove troverete un gran numero di sculture e monumenti. 

brown concrete building
Photo by Dale Pike on Unsplash

Nel pomeriggio scendete a Clark Ádámtér con la Sikló, una funicolare costruita nel 1870. Concludete la giornata ai Bagni Király per godervi un po’ di relax immersi nelle piscine termali. Alimentate da acque di temperatura compresa tra 26° e 40°C, le quattro piscine dei Király sono autentici bagni turchi costruiti nel 1570.

landscape photo of bridge with lights
Photo by Dan Freeman on Unsplash

Secondo giorno

Il secondo giorno sarà arrivato il momento di visitare alcune delle attrazioni di grande richiamo di Budapest. La mattina concentratevi sui due simboli della nazione ungherese e sugli edifici che li custodiscono: la corona di re Stefano nel Parlamento e le spoglie (in realtà una mano) del santo nella Basilica di Santo Stefano. 

Il Palazzo del Parlamento, che si sviluppa per circa 268 metri lungo il Danubio, è l’edificio più grande d’Ungheria. Anche grazie alla posizione, sicuramente non casuale, fa da contrappeso al Palazzo Reale sulla Collina di Buda dall’altra parte del fiume, a suggerire che ormai il destino del paese si fonda sulla democrazia e non sul privilegio reale. 

brown concrete building near body of water during daytime
Photo by Ervin Lukacs on Unsplash

La Basilica di Santo Stefano è la chiesa cattolica più importante di tutta l’Ungheria, anche perché al suo interno custodisce la reliquia più venerata del paese: la mano destra mummificata del santo patrono. Per andare da un posto all’altro, tagliate attraverso Szabadság tér e date un’occhiata all’ultimo monumento sovietico rimasto in città. 

Nel pomeriggio esplorate il quartiere ebraico con un itinerario a piedi che includa Klauzál tér, la Sinagoga Ortodossa e il muro del ghetto originale.

Terzo giorno

Il terzo giorno attraversate il Danubio e godetevi il meglio della zona di Pest. Non perdete quel gioiello architettonico che è il Teatro dell’Opera di Stato Ungherese e soffermatevi in alcuni magnifici caffè.

people standing on white snow covered field during daytime
Photo by Dimitry Anikin on Unsplash
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati