fbpx
Storia

Il berrettino rosso dello scazzamurill o Munaciello

Come scriveva , Plinio il Vecchio  –  Se state per rispondere Scazzamurill o Munaciello, dite bene. Incredibile come questa leggenda dall’antica Roma sia arrivata fino a noi, divenendo parte del folklore dell’Italia meridionale. Manfredonia – NELLA notte fino all’alba camminano sui i muri delle abitazioni … saltellano sui cuscini. In pratica il Munaciello , è lo spirito di un qualsiasi bambino morto senza aver ricevuto il sacramento del battesimo.

Vive in casa e ne combina di tutti i colori. Fa dispetti, nasconde gli oggetti e può apparire di notte.

Nella tradizione popolare lo scazzamurillo, viene descritto come un piccolo folletto, dotato di poteri magici e alquanto dispettoso.

Se non riesci ad acchiappare in tempo il suo cappello magico; per questo si dice che non bisogna mai dormire a pancia all’aria. chiedere aiuto, la mia lingua era come paralizzata e non potevo emettere alcun suono, allo stesso modo il resto del mio corpo: bloccato, immobile; la sudorazione aumenta e dopo un po’… mi sveglio, fortunatamente! Non so a quanti di voi è capitato ma quello descritto è un disturbo abbastanza noto come “paralisi del sonno”. 


Di Claudio Castriotta 

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati

Back to top button