Attualità

Giovanni Gentile, in ricordo di una vita da collaboratore scolastico

Manfredonia – ERA il cuore che veniva dal mare, aveva bisogno di vivere, come il profumo del pane. La mattina a colazione, con quel panino che amava tanto mangiare. Quel giorno circa di tre anni fa, aveva regolarmente svolto il suo turno di lavoro fino alle 14.00.

L’indomani, davanti all’entrata della Scuola V Circolo San Lorenzo Maiorano più Don Milani,  trovai il cartello di morte: si è spento Giovanni Gentile, collaboratore scolastico, anni 63 .Era buono con tutti, disponibile, affabile ed educato. Sempre a disposizione di tutti.

Ultimamente lo vedevo, anche se di rado, un po’ stanco. Giovanni entrava nei discorsi sempre con timore. Conoscevo Giovanni da ragazzino, mentre lui era un giovanotto degli anni ’70 ,vestito

alla moda con capelli lunghi. Diceva sempre: “Il prossimo anno vado in pensione, lavoro da bambino”.

Caro Giovanni, oggi è domani. Ti saluto con le mani.

Quel pensionamento, non l’hai visto mai arrivare, davanti ai tuoi occhi stanchi.

Di Claudio Castriotta

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati

Back to top button