Politica

Gatta: “Emiliano ha mentito agli elettori”

“Il mio primo intervento sull’ospedale di Manfredonia risale al 2011: già da allora suonavo l’allarme per una volontà più o meno manifesta del centrosinistra al governo della Regione di chiudere una struttura senza la quale verrebbero meno i livelli essenziali di assistenza per un bacino di utenza di circa 100 mila persone, che serve, oltre alla comunità sipontina, quelle di Zapponeta, Mattinata, Monte S. Angelo, fino a Vieste” è il primo commento di Gatta alla notizia della chiusura dell’Ospedale di Manfredonia.

“La mia rimase una voce nel deserto allorchè paventai la fine del “punto nascita” a Manfredonia, mi diedero dell’allarmista, ma disgraziatamente i fatti mi diedero ragione. Non vorrei, quindi, essere facile profeta anche stavolta, perché siamo alla resa dei conti con chi fonda il consenso elettorale sulle bugie dette agli elettori”

Prosegue Gatta: “L’ospedale di Manfredonia annovera numerose eccellenze professionali ed eroga servizi necessari alle popolazioni. Purtroppo, la decisione di chiuderlo sembra essere in gestazione da anni, con un centrosinistra sordo all’esigenze delle popolose comunità locali. Cerco di essere ancora più chiaro: fino ad oggi, abbiamo mantenuto un comportamento responsabile nei rapporti con la Giunta Emiliano, nella speranza che ciò potesse essere utile per portare a casa risultati importanti per i pugliesi. Però, se l’andazzo è questo e si tagliano ad occhi chiusi servizi essenziali, senza intaccare gli sperperi e i clientelismi, la maggioranza non potrà più contare sullo spirito costruttivo e collaborativo che abbiamo dimostrato. Emiliano lo tenga a mente, prima di decretare la fine della sanità nel nostro territorio”.

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button