Attualità CapitanataSpettacolo Italia

Elodie con “Ti mangio il cuore” conquista Venezia. La ferocia (e l’amore) nel Gargano della quarta mafia

Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Casa di Cura San Michele
Centro Commerciale Gargano

Al Lido di Venezia questo pomeriggio grandi applausi per Elodie. È la protagonista, infatti, del film “Ti mangio il cuore”, diretto dal pugliese Pippo Mezzapesa e tratto dall’omonimo libro – pubblicato da Feltrinelli – scritto dai giornalisti di Repubblica Carlo Bonini e Giuliano Foschini

Il film, girato in Puglia e sostenuto dall’Apulia Film Commission, parla della mafia del Gargano e delle passioni, degli omicidi e dell’odio di due famiglie rivali: i Malatesta e i Camporeale. Elodie interpreta Marilena, la strafottente moglie del boss latitante dei Camporeale. Andrea, invece, interpretato da Francesco Patanè è l’erede dei Malatesta, la famiglia rivale. Fra i due si consuma una relazione e un amore che metterà disordine e alimenterà l’odio fra le due famiglie. Marilena, che Elodie interpreta con grande passionalità e sensualità, diventerà prima clandestinamente e poi ufficialmente sua moglie, rompendo tabù e schemi inflessibili della mafia garganica. Il loro amore sarà il fulcro e l’inizio di una guerra decennale fra i due clan. 

Il film, in gara nella sezione Orizzonti e in uscita in sala il 22 settembre, è stato girato anche a Manfredonia, Macchia, Ascoli Satriano, Vieste, Carpino, Cagnano Varano e Macchia. Per il regista, Pippo Mezzapesa, questo film racconta una Puglia diversa, una puglia feroce. “È una storia fatta di spietatezza e passione. Da un lato una società arcaica e feroce, dominata dalla violenza di leggi primitive che regolano antiche faide mafiose mai davvero esistite, dall’altro la forza dell’amore che sconvolge e sovverte, una scintilla che fa divampare una nuova guerra ma anche il desiderio di una vita diversa”. 

Il lavoro vuole parlare di questa criminalità, andando a rappresentare un male feroce e spietato. “La mafia garganica è efferatissima, uccide togliendo i connotati, e quindi anche il ricordo. Leggendo tra le pagine, ho scoperto la storia della prima pentita della mafia garganica. Quella del nostro film è una storia archetipa che parla di amore, vendetta e morte, ma anche di una terra di prepotente bellezza, il Gargano, straziata e insanguinata da una mafia poco conosciuta e spietata”, ha raccontato il regista. 

Per Elodie, invece, questa figura ha una sua importanza per il suo carattere e la sua forza. “Marilena mi piace, ha un carattere complesso. Lei è una donna vera. Attraverso questa esperienza ho scoperto qualcosa di me, ma anche lavorando insieme agli altri. Scopri le tue difficoltà, ma anche il modo di superarle e le fragilità”, ha raccontato la cantante.

Gelsomino Ceramiche
Casa di Cura San Michele
Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti

Articoli correlati