Daunia Comics & Games e Villa, matrimonio vincente

La Villa comunale di Foggia, complice anche il weekend dalle temperature estive, si è rivelata la location ideale per accogliere la quinta edizione del Daunia Comics & Games.In circa diecimila hanno sceltodivivere unafull immersion nell’universo della fantasia. Nel luogo simbolo della città si sono dati appuntamento appassionati di fumetto, videogiochi e cartoni animati i cui personaggi hanno preso sembianze vere grazie ai tantissimi cosplayer provenienti anche da altre regioni,che hanno riempito di colore un evento che affascinaormai anche chi è lontano da questo mondo.

Abbiamo seguito il consiglio dell’Amministrazione comunale che da anni ci chiedeva di spostare l’evento nella Villa comunale – spiegano gli organizzatori Giorgio e Flavio Di Corcia, dell’Associazione Cosplay Foggia – ed effettivamente l’idea è stata vincente. Abbiamo un tesoro tra le mani ed è stato bello averlo riempito per due giorni di cultura, divertimento e sana socialità.Con questa manifestazione Foggia potrebbe davvero ritagliarsi un posto di rilievo nel panorama comics nazionale, così come avviene da anni a Lucca. Ecco perché speriamo che l’anno prossimo il Daunia Comics possa partire dalla Villa per coinvolgere l’intero centro della città”.

All’evento, la cui direzione artistica è stata affidata anche quest’anno aPaolo Pugliese, hanno partecipato tantissimi bambini protagonisti del‘Baby contest Cosplay’ vinto da un simpaticissimo Miguel del film Coco.  Il programma del Daunia Comics &Games 2018 è stato davvero corposo. Laboratori di disegno e cultura giapponese, incontri con grandi fumettisti, presentazioni di libri, talk che hanno messo a confronto youtuber come Alberico De Gigliocon cosplayer di fama internazionale come Giorgia Vecchini e grandi doppiatori comePietro Ubaldi. A tutto questo si è aggiunta un’area game presa d’assalto dai ragazzi e la musica trascinante dei ‘Cristiani d’Avena’ e di Stefano Bersola, che tra sigle di cartoni, film e famose serie televisive, hanno fatto scatenare il pubblico del Daunia Comics & Games. Si è trattato di una miscela esplosiva di entusiasmo che anche gli zombiedell’associazione Campus77 non sono riusciti a placare.

Non avevo mai partecipato al Daunia Comicsha dichiarato Giuseppe Sansone, disegnatore Disneye sono rimasto particolarmente stupito da una manifestazione ben organizzata e capace di attirare tanti appassionati di fumetto e di arte in genere. Credo che niente come l’arte abbia la capacità di parlare a tutti di qualsiasi argomento. Non a caso io stesso ho deciso di scrivere un libro, presentato proprio al Daunia Comics, con il quale ho scelto di affrontare una tematica importante come quella dell’autismo, raccontando la storia di mio figlio Matteo e dando un volto al suo spettro”.

In questi due giorni in Villa si è respirata anche un’atmosfera giapponese grazie ad Andrea Dentuto, l’unico vero mangaka italiano nonché il solo illustratore occidentale ad aver lavorato per 11 anni in Giappone dove ha disegnato anche Lupin III.  Proprio Dentuto ha portato al Daunia Comics & Games l’associazione culturale da lui fondata, Momiji, un centro di lingua e cultura giapponese, che ha offerto al pubblico diversi seminari, incontri monotematici e laboratori di disegno e di origami.

Credo che i giovanihaaggiunto Andrea Dentutoabbiano sempre più bisogno di eventi culturali di questo genere che stimolino la loro fantasia e creatività. Se tutto questo accade poi in un luogo stimolante anche da un punto di vista visivo il risultato non può che essere eccellente”.

Siamo molto soddisfatti di questa edizione e della perfetta cornice in cui si è inserita, dichiara Paolo Pugliese, direttore artistico del Daunia Comics. Quando ospiti e pubblico danno la loro approvazione vuol dire che si è lavorato bene e questo ripaga di tutti gli sforzi. Ora ci rimbocchiamo le maniche per fare in modo che l’anno prossimo vada ancora meglio”.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*