Attualità ManfredoniaManfredonia

Castriotta: “Si ponga fine alla vergognosa vicenda di ‘Villa Rosa”

Promo Manfredi Ricevimenti
Matteo Gentile
Centro Commerciale Gargano
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Gelsomino Ceramiche

Castriotta: “Si ponga fine alla vergognosa vicenda di ‘Villa Rosa”

Risposta a un mio articolo da parte del nipote e arcivescovo di Cesarano:


Il monsignore mio zio Andrea Cesarano, proveniva dalla mia stessa Diocesi di Amalfi.

Sono molto commosso per le sue parole e la ringrazio dal profondo del cuore per averlo ricordato con tanta fedeltà storica, Dio vorrà benedire il nobile e amato popolo di Manfredonia e tutti coloro che vorranno difendere il nome di “Andrea Cesarano”, da false ed infamanti accuse e condurre dunque i giovani agli ideali di carità e di amore che hanno ispirato la sua vita.

Vi chiedo anche di pregare per tutti i poveri anziani e in particolare perchè lo Spirito Santo  – ponga fine alla vergognosa vicenda dell’umiliazione e della distruzione di “Villa Rosa”, ci è particolarmente cara la condizione degli inabili e dei poveri anziani soli e siamo molto preoccupati.

Io e la mia famiglia per i malvagi proponimenti di alcuni che ambiscono interpretare in maniera distorta il pensiero e la carità sacerdotale di Monsignore e gli scritti e le ultime volontà di sua sorella Maria Assunta, fino anche a giungere al punto di trasformare uno dei luoghi simbolo della vostra terra in ciò che da troppo tempo è diventato e cioè il manifesto perverso di scritte anticristiane e blasfeme.

Testo
di Claudio Castriotta

Centro Commerciale Gargano
Promo UnipolSai ilSipontino.net
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo Manfredi Ricevimenti
Promo Manfredi Ricevimenti
Matteo Gentile
Domenico La Marca
Gelsomino Ceramiche

Claudio Castriotta

Poeta, scrittore e cantautore - già collaboratore con riviste di Raffaele Nigro e del docente universitario Daniele Giancane. Il miglior piazzamento ad un premio letterario è avvenuto a Firenze con un libro dedicato ai più emarginati di Manfredonia: secondo posto alle spalle del grande scrittore cattolico Vittorio Messori. Il suo primo maestro è stato Vincenzo Di Lascia, il vincitore al premio Repaci di Viareggio del 1983. Come musicista si è esibito con il cantautore Marco Giacomozzi, vincitore al Premio Tenco, nelle zone della Liguria, esattamente in prov. di Savona ad Albissola Marina . Poi in seguito dopo varie esibizioni in Toscana con altri autori, interrompe i tour per motivi di salute.

Articoli correlati