AttualitàEventi

Assemblea su cementificazione e periferie con i residenti dei Comparti

I residenti dei comparti CA si sono messi in contatto con noi e ci hanno chiesto uno spazio per poter raccontare la loro situazione (speculazione sulle pelle delle famiglie, urbanizzazione non conclusa, carenza di servizi, assenza di luoghi di aggregazione) e la loro lotta. Ospiteremo dunque una piccola assemblea aperta a quanti e quante vorranno condividere con noi un momento di riflessione su cementificazione e periferie per costruire nuove pratiche di socialità e di cultura fuori dal profitto, per costruire una città nuova sul CEMENTO, VIVO.

———————————————————

Che cosa vuol dire “cemento” per te?
Cemento, per alcuni, vuol dire appalti, commesse di materiale edilizio, cantieri: denaro, corruzione e voti. Per altri vuol dire un’invasione di case insicure, fragili, non coibentate, energeticamente costose e spesso vuote e inutili, insieme a capannoni, autostrade, parcheggi, cave e strade: si chiama “città diffusa”, ma diffonde solo consumo dissennato di suolo, spreco energetico, speculazione edilizia, quartieri dalla qualità di vita sempre più bassa, mutui per comprare il debito di una vita e affitti per pagare il debito di essere semplicemente vivi.
Il cemento ha fatto guadagnare tanto, a pochi.
Il cemento ha aiutato tanto, pochi.
Cemento, per alcuni, significa “offrire posti di lavoro” in cambio di voti, voti da barattare con piani regolatori generosi ed amichevoli e modifiche di uso di terreni non idonei, voti da barattare con una politica che chiude gli occhi su evasione e irregolarità, su lavoro nero e mancanza di sicurezza: non c’è lista senza amici del cemento, non c’è partito vincente senza palazzinari. Cemento per altri significa morire: nel 2015 i morti per incidenti nei cantieri o per patologie professionali hanno superato le 1000 vittime.
Il cemento ha fatto tanto, per pochi. Cosa ha fatto per te?
Ti ha dato centri storici sempre più inspiegabilmente vuoti e svalutati in attesa di essere oggetto di nuove aggressioni imprenditoriali a danno dei piccoli proprietari, ti ha dato periferie immense con meno spazi verdi, con alberi ridotti a un mozzicone che aspettano di essere sostituiti, panchine spaccate, prati che sembrano giungle, giochi per bambini che non sanno cosa sia la manutenzione ordinaria. Riqualificare e rivalutare questi spazi deserti, seppure abitati, è la nuova frontiera dell’affare edilizio: la riqualificazione e la gentrification. Aumentare il valore di zone immobiliari degradate significa nuovi appalti e nuovi guadagni, significa arricchire le grandi proprietà che hanno soppiantato le piccole ed espellere i poveri per via dell’aumento dei valori immobiliari: un affare enorme per alcuni ed una sciagura altrettanto enorme per altri.
Partendo da questa riflessione chiamiamo i cittadini e le cittadine di Manfredonia a pensare,costruire ed abitare spazi fuori dal circuito della cementificazione, chiamiamo la città ad impegnarsi culturalmente e socialmente per creare luoghi che non esistono ancora, perché inghiottiti dalla speculazione del cemento.
Cemento vivo è una chiamata diretta, senza deleghe, a riappropriarsi dal basso di quanto ci è stato sottratto nel tempo con la cultura della messa a profitto degli spazi urbani calata dall’alto ed al servizio degli interessi di pochi.

 Collettivo InApnea

Redazione

ilSipontino.net dal 2005 prova a raccontare con passione ciò che accade sul Gargano ed in Capitanata. Per segnalare variazioni, rettifiche, precisazioni o comunicazioni in merito al presente articolo è possibile inviare email a redazione@ilsipontino.net

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button