Ama: “Scivolone del Gal DaunOfantino sulla Festa Patronale”

In riscontro al comunicato del Gal DaunOfantino del 14.08.2019, occorre evidenziare quanto segue. Nel proprio scritto la citata società rendeva noto lo stato della raccolta fondi promossa per la realizzazione della prossima festa patronale e successivamente specificava che “spiace constare la mancanza dell’annunciata collaborazione fattiva con AMA, Associazione Manfredonia Attiva – Commercio & Turismo, i cui associati, nonostante la volontà del Gal DaunOfantino di unire idee e forze per garantire alla città ed alla sua comunità una dignitosa organizzazione del momento più identitario, partecipato ed importante dell’anno, hanno rispedito al mittente tale importante possibilità senza alcuna motivazione razionale”. Tale affermazione è falsa. Difatti qualche settimana fa la suindicata società contattava la nostra associazione al fine di richiedere un aiuto per la raccolta fondi Festa Patronale presso i nostri associati. A seguito di un successivo incontro, nello specifico i componenti del Gal DaunOfantino ci chiedevano di promuovere verso i nostri soci l’iniziativa “adotta una luminaria” consistente nel versamento di € 360,00 + IVA a fronte di una pubblicità da affiggere sui pali delle installazioni luminose in occasione della festa. Con lo spirito di collaborazione che ci contraddistingue, provvedevamo immediatamente a pubblicare la predetta iniziativa nei canali privati della associazione e pubblicamente con due comunicati sulla nostra pagina facebook. Pertanto non corrisponde al vero che AMA si sia disinteressata della collaborazione offerta dal Gal DaunOfantino, collaborazione che, occorre sottolineare, consisteva solamente nella predetta raccolta fondi. Difatti non ci veniva offerta alcuna possibilità di coorganizzare l’evento o di promuovere iniziative sociali. Non si comprendono allora le motivazioni sottese a questo attacco mediatico gratuito, dannoso e totalmente infondato. Necessità inoltre sottolineare che nel suindicato comunicato il Gal DaunOfantino elencava i nominativi delle attività che sino a quel momento avevano versato il proprio contributo, una specie di lista dei buoni alla quale si contrappongono gli assenti, “i cattivi” che non vogliono partecipare alla buona realizzazione della festa patronale. Tale scelta risulta raccapricciante e chiaramente scollata dalla realtà. Risulta notorio ai più, e sicuramente ai cittadini ed ai lavoratori che ogni giorno lottano per tutelare il benessere del proprio nucleo familiare, la grave stagnazione dell’economia locale, ancor più aggravata dai provvedimenti economici urgenti necessari per evitare il tracollo dell’ente pubblico. In questo stato di cose, “pretendere” dai commercianti di Manfredonia un contributo di oltre quattrocento euro per le luminarie è sicuramente fuori luogo. Sembra di assistere a quella famosa scenetta storica nella quale veniva richiesto a Maria Antonietta come aiutare il popolo che moriva di fame per la mancanza di pane e la regina di Francia, meravigliata, rispondeva: “che mangino briosce” (!!!) Infine, ancor più importante, occorre segnalare che molti associati ci hanno comunicato di aver già versato, come ogni anno, il loro modesto contributo nelle mani degli addetti che promuovono la raccolta fondi “porta a porta”; ciò nonostante i nomi dei predetti associati non compaiono nella famosa lista delle attività che hanno partecipato alla ricordata raccolta. Orbene, sperando in un semplice ed infelice “scivolone” del Gal DaunOfantino nella redazione del proprio comunicato e nell’immediata correzione dello stesso al fine di promuovere il vero, auguriamo a tutti gli addetti un buon lavoro per la realizzazione della festa patronale ed un caloroso saluto a tutta la cittadinanza ed ai nostri associati. AMA continuerà il suo lavoro (di volontariato) di promozione di eventi e di tutela della categoria dei commercianti, della popolazione e del territorio.

Il Direttivo




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*