AttualitàSpettacolo

Zalone ritorna con una canzone sugli oligarchi russi e annuncia il suo tour teatrale

Dopo il successo a Sanremo 2022, Checco Zalone si prende una pausa dai suoi film e ritorna live nei teatri e nei palazzetti di tutto il Paese. Lo spettacolo teatrale, scritto con Sergio Maria Rubino e Antonio Immarino, si chiama “Amore + Iva”. L’appuntamento arriva undici anni dopo il suo “Resto Umile Word Tour”. Quel fortunatissimo tour, che incoronò Zalone come il re della comicità italiana, diventò anche uno show televisivo per Canale 5 condotto assieme all’attrice sipontina Claudia Potenza

Il nuovo spettacolo dello showman pugliese partirà l’8 novembre 2022 da Firenze e durerà un intero anno. Nel periodo natalizio Checco ritornerà a Milano, città che spesso è stata protagonista dei suoi film. Dal 20 dicembre al 22 gennaio 2023, infatti, sarà al Teatro degli Arcimboldi. Il tour, che si concluderà nell’ottobre 2023, attraverserà l’Italia e toccherà anche Roma, Bologna, Napoli, Torino e Bari. Il 5 e il 6 maggio, invece, sarà in scena all’Arena di Verona

Lo spettacolo teatrale, prodotto da Arcobaleno Tre e MZL, è uno spettacolo totalmente inedito in cui musica, racconti, imitazioni e parodie saranno accompagnati dall’inconfondibile ironia di uno degli artisti più amati dal pubblico italiano.

Per l’occasione, Zalone ha pubblicato una canzone originale: “Sulla barca dell’Oligarca”. Questa volta con la sua ironia dissacrante, Zalone parla degli oligarchi russi a cui sono stati sequestrati gli yacht dopo lo scoppio della guerra in Ucraina. Zalone sulla barca dell’oligarca parla di una guardia portuale pugliese che per patriottismo e per sanzionare i russi organizza la festa della comunione di suo figlio sull’imbarcazione sequestrata all’oligarca. Il ritornello, in pieno stile Zalone, è già irresistibile: “Sulla barca dell’oligarca com’è bello coi parenti festeggiar; sulla barca dell’oligarca pacifismo, comunione e libertà“.

Dopo un giretto, però, fra Monopoli e Gallipoli finisce la benzina. Così Zalone inveisce contro l’Oligarca. “Ma a rovinare la splendida festa, tutto ad un tratto lo yotto si arresta, vedo mio figlio dal pianto straziato e dico la colpa, a papà, è del magnato. Com’è chia palazzi, jacuzzi e strafighe, c’hai le squadre nella Champion League, c’hai sta smania che vuoi l’Ucraina e kitemurt non metti la benzina“.

Articoli correlati

Back to top button